domenica 6 agosto 2017

UNA VALLE BEDRETTO CHE SA DI CASA :-)




La "Mangia e cammina sugli Alpi" si conferma una succulenta manifestazione, che quest'anno è stata a dir poco fantastica grazie alla presenza delle Salamelle!!

E quando dico Salamelle non mi riferisco solo a noi "svizzeri" che questa volta giochiamo quasi in casa, ma a ben 13 salamelle che hanno varcato i confini elvetici e hanno invaso la Valle Bedretto per il weekend :-)

Il sabato passa veloce in allegria (un po' meno per chi è rimasto in coda un'ora e mezza in autostrada...) e i fortunati che dormono in ostello hanno il privilegio di essere introdotti al gioco di carte Bang. Mentre alcuni pisolano da un po', 7 impavidi caballeros (quasi tutti di loro spontanea volontà...ehm) si sfidano a colpi di bang, si difendono dietro a barili, innescano la dinamite, vanno all'emporio, bevono una birra (quella finta questa volta!) e poi....oltrepassata la mezzanotte vanno finalmente a nanna!

Nonostante questo, stamattina siamo tutti agili e scattanti, ci presentiamo in anticipo al bus e verso le 8 siamo già con le gambe sotto al tavolo per fare colazione! Eh si, l'impresa enogastronomica ha inizio!!!!

Si parte da 2000mt e si scende (ma si sale anche, per la gioia del nostro stambecco del Tigullio) piano piano lungo la valle. Siamo a tratti baciati dal sole e la prima parte della camminata - compresi i fatidici 500mt super impegnativi - scorre veloce verso la prima tappa culinaria: i formaggi dell'alpe!

Come da copione, le gentilissime, bravissime, simpaticissime signore dell'organizzazione ci mettono al collo la borsina gialla con un bicchiere contrassegnato da una splendida marmottina e poi viaaaa verso il tavolo con quintalate di formaggio e la degustazione di vino bianco e rosè.

Ovviamente ci tratteniamo un po' per degustare le varie prelibatezze (e fare il secondo/terzo giro...) e poi via verso la prossima lontanissima tappa.

Ed eccoci, forse dopo 20 minuti, alla seconda tappa paradisiaca: i salumi!

Anche qui le porzioni non scherzano e, annaffiati da un rosso o un bianco, i salumi della valle (tra cui un buonissimo prosciutto crudo) ci deliziano il palato. Un po' rotolanti ci avviamo quindi verso la tappa finale dove, per evitare che ci resti ancora un piccolo languorino, ci viene servita la polenta con lo spezzatino!

E poi si sa... un posto per il dolce c'è sempre :)

Inutile dire che anche qui vino, birra, bevande varie, caffè, digestivi e dolci rigorosamente fatti in casa sono lì a disposizione di tutti i partecipanti in modalità "all you can eat/drink" o forse bisognerebbe dire "until you survive!"

Prima di abbandonare il paradiso delle papille gustative, i nostri caballeros decidono di sfidarsi nuovamente nel far west, trasformando però le "finte birre" in "chupitini" e devo dire che la scelta non poteva essere più azzeccata!

Nel frattempo si canta e si balla (mentre Frog accenna un "vado a fare un pisolo perchè poi guido"... seeee non ci crede nessuno) e la giornata volge ahimè al termine.

Chi torna in treno nel cantone delle ciliegie, chi torna in auto nell'abbiatense, chi nel genovese, chi nel torinese e chi invece valica il passo del Gottardo per inizia le sue vacanze!

Che dire, Salamelle ovunque e DA ovunque!!!

Insomma, la marmotta rimane il mio animale preferito (ricordatelo Marassi la prossima volta che vai in Mongolia) e quest'anno, grazie alle Salamelle, la splendida Valle Bedretto è stata ancora più speciale.... aveva un nonsochè di "casa", di quell'atmosfera respirata tante volte ma che non è mai abbastanza. Di risate, di allegria, di sorrisi, di sostegno reciproco e, perchè no, di buon cibo consumato tutti insieme!

Grazie Salamelle per aver varcato le Alpi per accompagnarci in questa impresa e perdonateci se vi abbiamo portato a "rotolare" con noi :-)

A noi è piaciuto moltissimo, speriamo sia piaciuto anche a voi e che siate pronti a ripeterlo ancora :-)
Guaz&Zazza

Ecco le foto: clicca qui e anche qui!

Una menzione speciale (in ordine sparso) a: 

Miry che nonostante un ginocchio non collaborante ha affrontato impavida salite, discese e terreni sconnessi per stare con noi (Miry metti il ghiaccio stanotte!!!)

FFa che grazie a questa camminata arriva a 2 gare in classifica salamellica e ha dichiarato che per quest'anno ha raggiunto il suo obiettivo

Aury che nonostante le si chiudessero gli occhi dal sonno si è lasciata convincere a giocare a un gioco di carte sconosciuto insieme ad altri 6 sciamannati

Betty che per essere agile e scattante alle 7.30 del mattino voleva fare il caffè ma ha dimenticato l'acqua nella moka (ma per fortuna non è successo nulla)

Simona che è atterrata dalla Scozia e ci catapultata in Svizzera per passare un weekend con degli sconosciuti e che ovviamente è la benvenuta tra le Salamelle se vuole essere il nostro Grisù

Frog che fa finta di voler fare un pisolino e poi finisce "casualmente" nella coda dei dolci e digestivi prima di tutti noi

Barbara che ha bevuto solo acqua (il sabato) e poi ha recuperato egregiamente la domenica 

Marassi che da vero gentleman ha donato il suo bicchiere a Barbara dopo che lei aveva accidentalmente rotto il suo, affinchè avesse un ricordo della manifestazione

Lidio che abituato ai 30-40 km giornalieri dal cammino di Santiago, si è adeguato a farne solo 8.6 con noi (ma con una quantità di cibo concentrata, pari a tutta quella mangiata nel Cammino.. o forse di più)

Davide e Stefania che mi hanno permesso di fare ben 3 partite a Bang nell'arco di un weekend!!!! Grazieeeeeeee