venerdì 27 marzo 2020

QUANTO E' UN METRO DI DISTANZA?

Infermiera e runner.  Moglie di un infermiere, runner pure lui.
Peggio di così non poteva andare. Blindati in una blindatura forzata.
Sono ormai tre settimane che non ci abbracciamo e baciamo più. Ognuno ha il suo bagno, attenti a non bere a canna dalla stessa bottiglia e a lavarci e disinfettarci così spesso le mani che sono tutte screpolate. L'altro giorno il Grinch mi ha chiesto una crema per le mani e gliel'ho messa, stando a distanza. Era il primo vero contatto dopo giorni: quanto può essere bello mettere la crema sulle mani della persona che ami? Non ci avevo mai fatto caso. Penso che sono ormai settimane che quando uno dei due entra dalla porta di casa la prima domanda è "Allora?". Che in realtà vuole dire "Pazienti positivi? Avevi tutti i presidi? I colleghi come stanno?". Poi arriva una telefonata. E' per me. Humanitas di Rozzano: mi vogliono proporre un contratto di collaborazione visto il mio Curriculum. Faccio il colloquio su Skype e in meno di due ore ho un contratto in mano. Tutto si conclude con la domanda: "Ha capito vero che cerchiamo personale per la Rianimazione Covid?". Certo che l'ho capito ma in realtà mi chiedo anche dove non ci sia pericolo in questo momento. Dove c'è un ospedale non Covid? E poi parliamoci chiaro: questa è la nostra professione. Io, per lo meno, non saprei fare altro. Non so fare altro. E così da domani tornerò in ospedale.
Almeno avevamo la corsa che riusciva a "svagarci" ma adesso non c'è più nemmeno quella. Fin da subito abbiamo deciso di interrompere le uscite sia perché avevamo troppa paura di farci male o che capitasse qualcosa ma soprattutto perché non avevamo più "la testa". Tutto quello che sta succedendo è stato così veloce e improvviso che ci ha colti alla sprovvista. Abbiamo iniziato a vedere colleghi ammalarsi ed essere ricoverati...
Continuiamo a vedere le scritte "ANDRA' TUTTO BENE" ma noi non riusciamo a dirlo (non ci crediamo, diciamo che ci speriamo) ma la sensazione è che ne usciremo con le ossa rotte. In questi giorni cerco di pensare a dei bei momenti passati ma faccio fatica perché arrivo da un anno disastroso che di bei ricordi ne ha lasciati pochi, pochissimi. Poi ieri ho iniziato a riguardare le foto delle Salamelle sul sito e un sorriso si è affacciato sul mio viso.
Non dico più di restare a casa ma dico restate a casa e riscoprite cosa vuol dire mettere la crema sulle mani di un vostro caro, pranzare insieme con calma o vedere un film tutti insieme sul divano. Voi che potete, fatelo. Perché noi non ci possiamo concedere più neanche quello. Noi abbiamo imparato cosa vuol dire un metro di distanza.
Noi viviamo a un metro di distanza. E' tantissimo. Immenso. Voi che siete a casa, abbracciatevi. Fatelo anche per noi.

Con affetto, Bobby Jean e il Grinch

martedì 24 marzo 2020

#Andrà tutto bene

Drummer qualche giorno fa mi ha mandato una foto, venerdì scorso mi ha scritto "Matteo vorrebbe mettere la foto sul sito". Eccola! Il suo messaggio, come quello di tanti bambini, è semplice e chiaro, lo dicono a gran voce, caricandolo di colori e di significati, come solo loro sanno fare. Sta a noi cogliere il loro suggerimento, la loro richiesta, la loro speranza, il loro desiderio, e portarlo avanti, in questi giorni difficili ma non solo, perchè altrimenti sarebbe troppo banale, anche quando tutto questo sarà passato. Tutti siamo travolti da questa pandemia che non fa distinzioni, direi che è assolutamente democratica e, nonostante le restrizioni, le vittime, la grande sofferenza, sono convinta che non solo andrà tutto bene, ci farà anche bene, risvegliando le nostre coscienze sopite. E poi ci sono loro, i nostri supereroi che, come tutti i supereroi indossano la maschera e a cui auguriamo di poterla dismettere presto.



Tra i tanti messaggi e video che in questi giorni inondano le nostre chat, ne ho scelto uno che racconta, a mio avviso, in modo chiaro i nostri giorni, perchè tutto ha un senso, nonostante sembri un film, è tutto vero, questa è La nostra Vita ed E' Adesso.


Frog

domenica 22 marzo 2020

FIASP STA A CASA

COMUNICATO EMERGENZA CORONAVIRUS

Avrete sicuramente tutti notato come in questi giorni e sempre in maniera più pressante si vedono scorrere immagini di persone che semplicemente camminano o che con abbigliamento tecnico sportivo fanno Jogging e queste immagine vengono associate al problema che non diminuisce l’incidenza del per contagio del coronavirus creando, nella pubblica opinione, un rapporto di causa ed effetto tant’è vero che il Ministro dello Sport ha preannunziato divieti in tale campo di attività.
Questo appello esclude con forte credo e convinzione che i nostri affiliati siano sostanzialmente coinvolti in questa problematica, FIASP nel ludico motorio ha da sempre lanciato un messaggio di fratellanza solidarietà sensibilità; nella moltitudine di tali immagini vi sarà sicuramente qualcuno che partecipa alle nostre manifestazione e questo per mero calcolo delle possibilità ma vi è e anche qualcuno che organizza una marcia autogestita con tanto di foto e picnic (uno di essi è ricoverato).
Un orribile messaggio attraversa il settore del ludico motorio che noi tutti tanto amiamo e a cui tanto di noi stessi dedichiamo. Nei contatti avuti in questi giorni con la Dirigenza Periferica, posso dire che essa condivide con la Presidenza un senso di disappunto, sofferenza, rabbia, dolorosa impotenza. Ritengo giusto che questa Federazione si appalesi e si unisca al generale quasi assordante ma non da tutti sentito appello di stare a casa.

**FIASPSTAACASA** senza distinguo ed eccezioni, lo esprime chiaramente per la sua storia, i valori della sua tradizione, la serietà ed il costante rispetto delle regole che ha sempre dimostrato.
Facciamo in modo che non continuino a scorrere immagini che, trasmettendo un senso di fanatico menefreghismo, di qualcuno, distruggano un patrimonio di tutti quelli che ci onorano della loro presenza nelle nostre manifestazioni. Non diamo il pretesto che coloro che hanno da sempre praticato, praticano e praticheranno le
attività ludico motorie vengano additati come i moderni untori della peste Manzoniana.
Noi possiamo far ben poco ma impegniamoci a diffondere ai nostri amici conoscenti diciamo a noi stessi ed a tutti che FIASP sta a casa. Che FIASP esprime sofferenza solidarietà e gratitudine a chi combatte in prima linea e nel rispetto del bene supremo della vita adoperiamoci per il rispetto delle regole se vogliamo contribuire ad uscirne.
Facciamo in modo che il Secondo Raduno Nazionale dei Comitati Territoriali FIASP si possa svolgere liberamente ed i nostri vessilli, spiegati al vento, lancino un messaggio di gioia della vita che riparte e comunichino il riconoscimento ed il compenso per i sacrifici che tutti noi abbiamo sostenuto.
Il Presidente Nazionale FIASP
ALBERTO GUIDI


FEDERAZIONE ITALIANA AMATORI SPORT PER TUTTI
Strada Lunetta n.5-7-9 - 46100 – Mantova
Tel e Fax 0376.374390 – mail segreteria@fiaspitalia.it
CODICE FISCALE 04415400151

giovedì 12 marzo 2020

#io resto a casa


Perché? Semplicemente perché è la cosa giusta!

#io resto a casa: perché sabato ero in montagna, abbracciata dal Monte Rosa e, seppur defilata dalle molte persone sulle piste da sci, ma impegnata in percorsi quasi deserti per ciaspolare, mi sento un’incosciente

#io resto a casa: perché ho la fortuna di poter lavorare ovunque con un computer e una linea dati, mentre molti devono andare a lavorare, chi super bardato, chi con un timore che dissimula dietro l’ironia, e così tanti sono a casa magari dopo aver affrontato cassa integrazione e disoccupazione

#io resto a casa: perché bisogna dare il buon esempio e non possiamo chiedere agli altri di non uscire mentre noi cerchiamo la solita scappatoia

#io resto a casa: perché non ho ancora frigorifero e dispensa vuoti, quindi non morirò di fame, anche se ho gli ultimi panini congelati e solo carote e mele come frutta e verdura fresca

#io resto a casa: perché ci sono lezioni per qualsiasi esercizio fisico, quindi posiziono il tappetino in soggiorno e seguo il video

#io resto a casa: perché devo riprendere i ragazzini in giardino che giocano a pallone, o meglio, dovrei riprendere i loro genitori incoscienti

#io resto a casa: perché ho avuto un caso positivo in ufficio ma, fortunatamente, la persona non passava da noi dalla fine di febbraio, ed è alquanto angosciata

#io resto a casa: perché seppur ci saranno i soliti profittatori, e da una parte, e dall’altra, questa cosa è tanto più grande di noi e non tutti i datori di lavoro sono persone becere, così come non tutte le partite iva sono evasori fiscali

#io resto a casa: perché potrei essere portatrice asintomatica, quindi non vado dai miei genitori anziani e dagli zii, ma gli telefono rimproverandoli puntualmente se escono per comprare 1lt di latte

#io resto a casa: perché quando sollevo lo sguardo dal mio monitor, dietro le tende trasparenti, la prorompente primavera si prende gioco di noi, com’è giusto che sia, dopo che noi l’abbiamo violentata senza ritegno, e gli uccellini cinguettano nel silenzio interrotto da qualche treno che passa

#io resto a casa: perché gli ospedali sono al collasso, tutto il personale è sotto pressione e allo stremo, fisicamente e psicologicamente, e loro meritano tutto il nostro rispetto per non andare ad ingrossare le file di malati, o per metterli in condizione di scegliere chi salvare e chi no

#io resto a casa: perché nel week end farò le pulizie di primavera, su e giù dalla scala a lavare tapparelle e vetri, accompagnata dalla musica e leggendo i messaggi delle tante chat che ci tengono uniti, ma di cui non bisogna abusare

#io resto a casa: perché ieri è passata l’auto del comune con lo speaker che lo chiedeva, oltre al bombardamento mediatico che non può essere in alcun modo frainteso, il messaggio è semplice e cristallino

#io resto a casa: perché non morirò se non corro, né dovrò andare dallo psicologo, semplicemente impiegherò più tempo per rientrare in allenamento

#io resto a casa: perché detesto le restrizioni ma ho senso del dovere e rispetto, anche se a volte mi sbaglio (e non lo ammetto)

#io resto a casa: perché voglio che passi, mi piacerebbe in fretta, ma se non sarà così, l’importante è che passi

#io resto a casa: perché posso scrivere questo post, e potete scrivere qualcosa anche voi, o i più piccoli possono mandare disegni

#io resto a casa: e voi cosa fate?

Frog

domenica 23 febbraio 2020

GLO up & many down


Domenica di trasferte per le Salamelle, Alex e Lidio a Massa Carrara mentre un nutrito gruppo, dopo
qualche dubbio per l'evolversi della situazione del coronavirus, è presente al Giro del Lago d'Orta sulle varie distanze: 15, 24, 39. Quelli della 24, arrivano al palazzetto dello sport di Omegna dove, un discreto numero di bicchieri e un pavimento appiccicoso, ci accoglie (ieri sera c'è stata una festa che ha lasciato il segno). Poco male, ritiriamo il pettorale, la solita maglia mono taglia (solo maschile), e si parte alla ricerca di un bar per un caffè. Partenza alle 10 senza gonfiabile e rilevamento cronometrico, vabbè. Si costeggia il lago tenendolo sulla destra, le zone in ombra si alternano con quelle al sole, lo sguardo si allunga sui romantici scorci del lago ma...sono stordita io o non vedo cartelli che
segnano i km? No, non ce ne sarà neanche uno per sbaglio. Affianco Drummer che dice "Spero che dopo quella curva ci sia il ristoro", 5, 6, 7km, all'ottavo finalmente i ragazzi allungano acqua, thè, integratori, biscotti, mmmhhh, va bene che non è una corsa fidal, va bene che non è neanche fiasp, ma mettere il primo ristoro all'8o km mi sembra troppo! Confido nel secondo, speranza vana, si presenterà al 16o dove arrivo con una seta tremenda sbottando. I poveri ragazzi non sono gli artefici ma sono davvero arrabbiata, non è una prima edizione, questa cosa non è giustificabile. Continuo percorrendo con cammino sostenuto l'impegnativa salita, cui segue una discesa che poi conduce nel bosco. Qui in certi tratti sono sola e
francamente ho il dubbio di non essere sul percorso corretto, non un'indicazione, non una persona, quando incrocio finalmente un ragazzo con il giubbotto arancione, mi tranquillizzo, ma la rabbia sale, arrivo all'ultimo ristoro dove raggiungo Scuuusa, solo acqua e thè, uno dei primi della 39 chiede i sali, non ci sono, a me non interessano ma i sali servono soprattutto alla fine o sbaglio? Proseguo ancora, davanti a me una maglia amica, è Renny, lo raggiungo e cerco di spronarlo a seguirmi, anch'io sono stanca ma mancherà poco più di 1km e non si molla! Fuori dal bosco si prosegue sull'asfalto per l'ultimo strappo in salita, le auto arrivano in senso opposto, nessuno gli chiede di rallentare, nessuno ha pensato di delimitare un pezzetto di carreggiata con i coni, mah! Si rientra per l'ultimo pezzo in salita sterrato cui segue l'asfalto, poi giù, verso il traguardo e l'arrivo dove ricevo una amorfa medaglia in plexiglass che ricorda quella ricevuta a Cantalupo. Ultima chicca, il mio zaino, come le altre borse, lasciati incustoditi sull'asfalto. Quando arrivano i nostri camminatori della 15km, scopriamo che si sono persi e la scopa, li ha superati e 'abbandonati' al loro destino perchè sono troppo lenti. Il percorso è piaciuto molto ma non ho sentito alcuno lodare l'organizzazione; sappiamo bene quanto sia difficile organizzare una corsa ma qui le pecche sono state davvero troppe, considerato anche le poche presenze, circa 400, in compenso il costo è stato quello di una corsa che dovrebbe essere perfettamente organizzata. Perfino la navetta per tornare a Omegna è un auto multi-posto che dovrà fare più volte il tragitto. Che dire, fortunatamente le Salamelle mettono sempre allegria, meno male che ci sono, grazie quindi a tutte/i voi e un grande BENVENUTA VITTORIA.

Frog

mercoledì 12 febbraio 2020

Convocazione Assemblea Annuale Soci

Avviso per tutti gli iscritti all'ASD Le Salamelle AVIS Abbiategrasso:

L'assemblea annuale dei soci avra' luogo il giorno giovedi 19 marzo 2020 alle ore 12 presso la sede di via Sabotino 35 in prima convocazione e in seconda convocazione 

VENERDI 20 MARZO ALLE ORE 20.45 

presso il cascinello di Via Gramsci 1 a Cascinazza, fraz di Robecco sul Naviglio.

Scaricate l'ordine del giorno e il modulo di delega (da compilare se necessario):



domenica 9 febbraio 2020

2242 grazie + 100 che valgono 1000

La Gian l'aveva previsto, Verò lo temeva, tutti però ce lo auguravamo e così è stato: 2242 partecipanti all'11a edizione della Salamellando con Avis. Nonostante circa 1200 persone dei gruppi pre-iscritte il sabato, il lungo serpentone ai tavoli ha dato il sentore che anche questa edizione sarebbe andata ben oltre le aspettative. Ho visto visi sorridenti, sentito tanti complimenti, constatato una marea umana arrivare al ristoro finale, distribuito tutti i riconoscimenti e, fino ad esaurimento, i libri gentilmente offerti dalla Libreria la Memoria del Mondo di Magenta. Sono stati premiati 47 gruppi e, un ulteriore premio offerto da Avis Abbiategrasso, sezione Guido Racchi, è stato donato ai primi 2 gruppi Avis. Grazie a tutti i partecipanti: a chi ha camminato, a chi ha corso, a chi ha fatto più giri, a chi ha portato l'amico a 4 zampe, a chi è arrivato da molto lontano, a tutti voi che avete creduto in noi!
Permettetemi però di ringraziare quei 100 che valgono 1000, chi sono?

  • Inanzi tutto chi ci ha ospitato, ovvero il Gruppo La Cappelletta di Abbiategrasso, senza il loro prezioso, capace ed energico aiuto non ci sarebbe Salamellando
  • Avis Abbiategrasso per la storica collaborazione e supporto
  • Anffas Abbiategrasso che, oltre a partecipare come gruppo, ci aiuta sia al ristoro che sul percorso, oltre a sfamarci dopo la lunga mattinata
  • Max Villani, sempre presente con il suo timido sorriso dietro l'obiettivo che cattura chi si diverte
  • L'Oratorio San Gaetano di Abbiategrasso, che presta i pentoloni per consentirci di preparare litri e litri di tè caldo
  • Zincometal Spa di Inveruno, per il generoso contributo
  • Gli amici delle Salamelle, ovvero chi non è, o non è più Salamella, ma ci ha dato una mano per la prima volta o come sempre, divertendosi nonostante il 'lavoro'
  • Alle Salamelle assenti che, per causa di forza stra-maggiore, non hanno potuto esserci ed a cui va il nostro abbraccio
  • A casa Guaz, che mette sempre a disposizione la sua casa per la logistica e lo stoccaggio dei materiali
  • A Lidio, che ha passato il testimone non tirandomelo dietro, ma aiutandoci in tutti i modi
  • Ma soprattutto alle mie mitiche Salamelle che hanno fatto così tanto lavoro che faccio fatica tutte le volte a pensarlo. Organizzare una corsa così tanto partecipata, con 5 percorsi, è davvero un'impresa ma, ve lo dice una che ha affrontato tutte le 11 edizioni, siete fantastici e so di poter contare su di voi, anche quando vi rimprovero :-)
Qualcuno mi ha chiesto: "Sei più tranquilla adesso?" Nì, le emozioni sono sempre tante e adesso c'è ancora un bel po' di lavoro e della sana autocritica da fare, certo è che questa notte dormirò un po' di più.

Quindi 2342 grazie
Frog

E per le foto, cliccate qui 

martedì 14 gennaio 2020

CORRI E LEGGI CON NOI!


SALAMELLANDO NEWS: 

L' A.S.D. Le Salamelle, in collaborazione con la libreria editrice "La memoria del mondo" di Magenta (http://www.memoriadelmondo.it), propongono una selezione di titoli di narrativa e saggistica che verranno omaggiati agli iscritti con riconoscimento, fino a esaurimento scorte.

lunedì 23 dicembre 2019

Piccole ma grandi Salamelle augurano Buon Natale

Ognuno di noi, con il benedetto e maledetto whatsapp, rientra in numerose chat. Un giorno, qualcuno a noi noto, condivide questa tenera lettera che mi ha dato l'ispirazione per gli auguri di Natale di quest'anno. Ho inviato, più o meno di nascosto, un messaggio ai nostri minorenni e, chi ha voluto rispondere, l'ha fatto a modo suo. A noi maggiorenni auguro di poter ricordare, anche per poco, come eravamo e cos'era per noi il Natale. Credo ne valga la pena.
Grazie a Il Matte, Illy, Slash (ex Sampei) ed al piccolo Ambro, così come siete, noi eravamo.

Buon Natale
Frog



sabato 23 novembre 2019

Giappone a primavera

 Per tutte le foto clicca

11-12/04-19 Milano-Pechino-Tokyo
Finalmente mi appresto al viaggio in Giappone con Morena, conosciuta nel viaggio in Nepal, appena avuto l'esito dell'ecodopler, prenotiamo i voli e, dopo qualche mese, partiamo. Da Haneda, la monorotaia e successivamente la circolare, ci portano a Ikebukuro ma, la difficoltà maggiore, è uscire dal dedalo di negozi, ristoranti, traffico umano perfettamente ordinato che affolla la stazione. Arriviamo al Kimi Ryokan camminando tra i grattacieli con insegne pubblicitarie che la sera illuminano le strade, gli studenti indossano le divise come ho visto nei cartoni animati con cui sono cresciuta. Andiamo a cena presto al Mutekiya, dopo 20 min di coda siamo appollaiate sui nostri sgabelli degustando un’ottima e abbondante ciotola di ramen. La lauta cena viene leggermente smaltita da una passeggiata cui segue una doccia con maxi taglie di prodotti Shiseido: questo bagno in comune, oltre ad essere pulitissimo, è super accessoriato.
13/04/19 Tokyo-Kamakura
La sveglia è mattiniera, la colazione da Mokabo Caffè. Si torna in stazione per prendere il treno per Kamakura: il paesaggio è totalmente cambiato, le case basse con i bei giardini hanno sostituito i grattacieli. Visitiamo il tempio di Engaku-Ji dove assistiamo ad una lezione di tiro con l’arco, gli arcieri, vestiti con kimono, si muovono con grazia e compostezza. Successivamente dirigiamo al tempio di Kencho-Ji dove c’incamminiamo per un sentiero nel bosco che sfocia nuovamente in paese, di lì cerchiamo la foresta di bambù, con un passante che si prodiga nel fornire indicazioni, purtroppo la foresta è inaccessibile. Al santuario di Tsurugaoka Hachiman incontriamo 2 novelli sposi in abito tradizionale, curioso il contrasto tra gli invitati vestiti all’occidentale e quelli vestiti con kimono. La guardia al tempio, con la scusa di rimproverarci, attacca bottone continuando a raccontarci aneddoti. Torniamo a Ikebukuro senza aver visto il grande Budda, abbiamo fatto tardi, e loro chiudono presto. Ceno in piedi con ottimo sushi, che nulla ha a che fare con quello italiano mono-sapore.
14/04/19 Tokyo
In mattinata visita al museo Ghibli con le opere del fumettista Miyazaki che ha vinto l’oscar per La città incantata. Nonostante la folla, per lo più locale, la visita è tranquilla e piacevole, è incredibile quanto lavoro ci sia dietro un cartone animato, molto più che per un film. Quando usciamo passeggiamo nell’attiguo parco dove in molti fanno pic-nick sotto gli alberi in fiore. Torniamo a Harajuku dirigendo per la super affollata via di Omotesando. Visitiamo Meiji Jingu dove assistiamo a 2 matrimoni e attraversiamo il parco Yoyogi dove si esibiscono i rockabilly. Incrociamo cagnolini con vestitini, condotti in carrozzine, e suricati al guinzaglio, mah! Andiamo a Shibuya dove la statua del cane Hachiko ci accoglie con 2 gattini tra le zampe in un’apoteosi di gente che scatta foto. Attraversiamo l’affollato incrocio e andiamo a cena per un sostanzioso piatto di curry. Una passeggiata nel quartiere a luci rosse di Shinjuku e si torna in albergo con un incredibile ritardo della metro.
15/04/19 Tokyo-Nikko
Giornata a Nikko perdendosi nei maestosi templi immersi nei boschi. L’architettura è talvolta eccentrica e ricca di sculture e particolari. Il colore prevalente è il rosso ma Toshogu Shrine spicca con il suo bianco e i fregi preziosi. Ridiscendendo visitiamo Taiyuin, Rinnoji e il ponte di Shinkyo. Con un’errata valutazione d’orario, passiamo quasi 2 ore in stazione mangiando un improbabile bento, ovvero la schiscetta milanese. Ritorniamo a Tokyo, leggermente surgelate, con il puntualissimo Limited Express.
16/04/19 Tokyo
Esploriamo i quartieri di questa metropoli cominciando da Odaiba, l’isola artificiale costruita con quella precisione tutta giapponese. Passiamo dalla statua della libertà tarocca, al gigantesco Gundam, a seguire il Venus Fort, un centro commerciale neo-classico pacchiano. Il giro sulla ruota panoramica consente di spaziare con lo sguardo da un punto di vista decisamente alto (Ambro e Dedè non ci salirebbero mai), in seguito il traghetto ci riporta sulla vera terraferma. Andiamo a Ginza per il teatro kabuki pranzando al Veloce Caffè con un panino perfettamente scongelato; è vero che i giapponesi dormono ovunque, al nostro fianco un elegante signore sonnecchia al suo tavolino. Accediamo al teatro instradati dagli attendenti che ci ordinano come le pedine del domino, le poltrone sono calcolate per gambe più corte delle mie. Assistiamo ad un atto, non capendo nulla, ma divertendoci nel vedere gli effetti speciali del ninja e sentendo il dolby surround umano che fa i versi alle nostre spalle. All’uscita ci spostiamo nel quartiere di Akihabara dove manga, pupazzi, ecc. sono ovunque: a me piacciono i cartoni animati, ma questo è troppo! Ceniamo con carne yakiniku accompagnata da sakè, la cuociamo autonomamente nella griglia tra noi, con mini-cappa, davvero squisita anche se costosa.
17/04/19 Tokyo-Hiroshima
Sveglia alle 6 per lasciare la capitale in favore di Hiroshima, come 2 rimbambite sbagliamo fermata e perdiamo la coincidenza. Arriviamo un’ora dopo all’appuntamento con la sig.ra Aruko, la nostra guida volontaria. Mentre passeggiamo ci racconta la triste e ben nota storia della città, che avrebbe dovuto insegnare qualcosa, ma gli uomini dimenticano in fretta. Anche il parco della pace ed il museo, raccontano ciò che è successo. Dopo il tramonto cerchiamo un posto per cenare e casualmente capitiamo in un ristorantino a conduzione famigliare dove assaggiamo di tutto. Il capsule hotel ci aspetta ed è davvero un gran bel posto, non il loculo che mi aspettavo.
18/04/19 Hiroshima-Miyajima
Dopo colazione prendiamo il tram al volo per la stazione, di lì, il treno locale, ci porta al terminal dei traghetti. Dopo pochi minuti di navigazione, appare il Tori rosso immerso nell’acqua. Nell’isola razzolano liberamente i cervi che i turisti dovrebbero lasciare in pace. Cominciamo il giro partendo dal santuario Itsukushima dove è in atto una rappresentazione del teatro No, percorriamo il viale delle lanterne e, incamminandoci verso la funivia, incrociamo un ristorantino dove cucinano le ostriche alla griglia: come non provare! La funivia ci porta in cima al monte, con una stupenda vista a strapiombo sul mare. Arrivate a destinazione, iniziamo l’ascesa al monte Misen, visitando i templi sul nostro cammino, discendiamo verso il mare constatando la bassa marea. In albergo ci aspetta una camera da 4 tutta per noi ed il bagno pubblico che non disdegnamo. Vaghiamo alla ricerca di un ristorante che serva ancora la cena, ne troviamo uno dove è necessario auto-segnarsi, ordino ostriche fritte, miso con vongole, antipastini vari e insalata, tutto molto gustoso.
19/04/19 Miyajima-Himeji-Kii Tanabe
Dopo la colazione in stanza con thè verde e biscotti di 7eleven, torniamo a Hiroshima per poi prendere il treno per Himeji. Lasciamo i bagagli in stazione e camminiamo verso l’airone bianco: il maestoso castello fa bella mostra di sé in cima alla collina, contornato dal giardino curato con i petali di sakura che vagano. L’edificio è stato completamente smontato e rimontato per ristrutturarlo, è incredibile solo pensarlo. Dopo la visita riprendiamo lo shinkansen per Kii Tanabe, l’hotel Hanaya, seppur vintage, è comodo e pulito, soprattutto ha i letti e, dopo 6 notti di futon, i miei fianchi gridavano vendetta.
20/04/19 Kii Tanabe-Chikatsuyu
Dopo una sostanziosa colazione prendiamo il bus per Takijiri dove inizia il nostro trekking di quasi 14km. Il primo tratto è impegnativo essendo in salita, successivamente il percorso è un saliscendi dove s’incrociano templi, maestosi alberi, villaggi mignon. Al 7o km incrociamo uno sciuro con cui Morena scambia qualche parola, sta facendo andata e ritorno e, a 4km dall’arrivo, ci raggiunge e ci adotta portandoci a destinazione con una certa solerzia “Let’s go” (devo intercedere per la mia amica distrutta). A Chikatsuyu, l’appartamento Happiness in stile giapponese, è molto carino, con kimoni appesi alle pareti. Con una bici in 2, andiamo al market per acquistare birra e patatine per il nostro aperitivo in giardino, dove altri 2 sciuri attaccano bottone. Domani ci aspettano i rimanenti 27km, vediamo cosa dicono le gambe.
21/04/19 Chikatsuyu-Yunomine onsen
Buone Pasqua! Nonostante la notte quasi insonne per il futon piuttosto duro e la tosse persistente, le gambe rispondono bene ma Morena ha una forte emicrania, quindi decido di seguirla per gli 8km facili. Il bus la fa stare peggio, quindi scendiamo e, quando il moment comincia a fare effetto, riprendo sola il bus per arrivare alla partenza dell’ultimo tratto del trek. Il percorso è facile e veloce, torno al tempio Hongu Taisha in un paio d’ore, giusto in tempo per incrociare l’amica che va verso la guest house. Io proseguo a piedi per Yunomine onsen, sbagliando strada, vabbè, altri 5km in pianura, riprendo il percorso con una ripida salita ed un altrettanto ripida discesa. Alle terme tocco l’acqua bollente che scorre nel canale e che mi fa immediatamente desistere dal bagno pubblico. Mi appresto verso la guest house perdendomi altre 2 volte, ma i giapponesi sono sempre disponibili. Arrivo finalmente a Minshuku Yunosato dove una vasca ricolma di acqua termale (mixata) e una deliziosa cena molto ben preparata, mi ristorano.
22/04/19 Yunomine onsen-Osaka
Riprendiamo il bus per Kii Tanabe, recuperiamo il bagaglio lasciato in albergo e anticipiamo il treno per Osaka. Il quartiere di Namba, dove si trova il nostro albergo stipato di manga, è più ‘anarchico’ rispetto ai quartieri di Tokyo. Partiamo nella difficile ricerca del Lamù Caffè, nella bolgia di un quasi suk affollato all’inverosimile. Grazie ai soliti giappo-navigatori, degustiamo (con un certo ritardo nel servire), un aperitivo circondati dai murales di uno dei cartoni animati dei nostri tempi. Quando usciamo passeggiamo sul lungo ‘naviglio’ di Osaka cercando un ristorante che c’ispira, finiamo in un micro locale senza turisti dove gustiamo okonomiyaki (frittatona) con una birra che evapora.
23/04/19 Osaka-Koyasan
Prendiamo il treno per Koyasan, l’ultimo tratto viene percorso con un trenino a cremagliera. La cittadina è un pot-pourri di templi, visitiamo i principali: Kongobu-ji Head Temple, Chu-mon Gate, Konpon Daito Pagoda, Kon-do Hall, Dai-mon Gate, Reihokan Museum. Torniamo al tempio che ci ospita, il Fumon-in e, dopo un bagno giapponese (scopriamo poi fuori orario), degustiamo la cena vegetariana preparata dai monaci. In serata passeggiamo fino al cimitero con le lanterne che illuminano i viali, estremamente suggestivo.
24/04/19 Koyasan-Nara
Sveglia all’alba perché, come ospiti del tempio, possiamo assistere alle preghiere del mattino. La litania di 30 min è un po’ noiosa e il freddo non aiuta, comunque riesco ad arrivare alla fine senza addormentarmi. Facciamo una colazione giapponese e successivamente partiamo per la visita diurna del cimitero, partendo dal mausoleo del Kobo Daishi. Torniamo a Osaka per recuperare il bagaglio e partiamo per Nara. La cittadina è tranquilla, ci addentriamo nei vicoli di Naramachi per visitare una casa tradizionale. Dirigiamo poi verso la pagoda Kofuku-ji e il parco dove i cervi vagano liberamente disturbati da turisti e orde di scolaresche in gita. Raggiungiamo il tempio di Todai-ji, al cui interno è collocato un gigantesco Budda, alle spalle fa capolino la pagoda d’oro. La chiusura del tempio fa si che la folla si diradi, così cerchiamo un ristorante per la cena, dopo qualche tentativo entriamo in uno visto inizialmente, si condividono gyoza (ravioli al vapore), okonomiyaki, per me ostriche fritte, il tutto accompagnato da shochu, una specie di grappa allungata.
25/04/19 Nara-Kyoto
Si parte per raggiungere Kyoto facendo tappa a Fushimi Inari-Taisha, ovvero il santuario il cui serpentone di
tori arancioni, s’inerpica per la montagna fino alla vetta, dove si presenta una mediocre vista di Kyoto. La folla è notevole, gli scolari si aggiungono ai turisti, tra cui molti italiani. Solo nell’ultima parte riesco a seminare i più, godendomi la passeggiata senza schiamazzi ma, ciò nonostante, le scimmie restano celate. Ridiscendo incrociando Morena, e pranzo con un piatto di takoyaki, ovvero polpette di polpo con un mix di salse. Ripartiamo per Kyoto raggiungendo il tempio Shunkoin, dove pernotteremo per 3 notti. Lasciamo il bagaglio e partiamo per Yasaka, Okazaki area, facendo una passeggiata nel quartiere delle geishe e delle sale da tè, assistiamo quindi allo spettacolo del Miyako Odori al teatro Mimamiza, davvero bello. Quando usciamo raggiungiamo il tempio di Yasaka all’interno del parco Maruyama, dal quale ci si perde nelle caratteristiche vie fino a ora di cena, che si conclude con un gelato al macha lungo le rive di Kamo.
26/04/19 Kyoto
Stamattina lezione di meditazione: sarà che difficilmente mi rilasso in un contesto sconosciuto, sarà che mi perdo parte della spiegazione in inglese, ma, il risultato, non è positivo. La visita al tempio che ci ospita, invece, è interessante, le zone nascoste mostrano sale con pannelli dorati dipinti, e un bel giardino zen. Successivamente partiamo per la visita del castello Nijo-jo: anche qui i pannelli dorati dipinti sono incredibili, così come il giardino e la struttura fortificata. Dirigiamo verso il mercato Nishiki, non così tipico come altri in giro per il mondo, ma caratteristico; il cibo la fa da padrone. Con la metro raggiungiamo il palazzo reale per una passeggiata al tramonto nei giardini che lo circondano. A cena incappiamo purtroppo in un posto da ‘fighetti’, ottime birre ma cibo nullo: il mio gratin è una mini terrina con un miscuglio di pesce e besciamella, il piatto di Morena sono dei tuc con formaggino, vabbè, non possiamo sempre cadere bene!
27/04/19 Kyoto
Con le biciclette prese in prestito al tempio, tenendo rigorosamente la sinistra, andiamo al tempio Ryoanij che
esploriamo prima che arrivi l’orda dei turisti: il giardino di pietre non è paragonabile a quello di Koyasan, invece il giardino verde merita. Sempre in bici ci spostiamo alla pagoda d’oro che, nonostante la calca e le nuvole, fa bella mostra di sé riflettendosi nello specchio d’acqua. Torniamo al ns tempio per riconsegnare le bici e, prima di uscire, visitiamo casualmente il Taizo-in. Il giardino armonico è composto da rocce e piante con ghiaia bianca e grigia, yin e yang, più avanti un giardino verde con arbusti ed alberi, diviso da una cascata che sfocia nel laghetto, oltre che un enorme ciliegio ormai sfiorito. Con il treno raggiungiamo il quartiere di Arashiyama: bolgia senza limiti. La foresta in bambù non è nulla di che, o forse il troppo ciarlare non la fanno apprezzare. Proseguiamo per il decentrato Gongij che rivela un incantevole giardino muschiato alle cui spalle si muove, seguendo il vento, il bosco di bambù. Proseguiamo per il parco delle scimmie, dove i macachi si mescolano ai turisti. Su un tetto una mamma spulcia con dovizia il figlio. Dopo una pausa in una sala da tè per riscaldarci, andiamo a cena in un ristorante consigliato dal ns tempio. Il locale è gestito da un particolare soggetto, che ti fa accomodare al bancone, e prepara le pietanze utilizzando esclusivamente le mani, che pulisce sfregandole sulla tuta da metalmeccanico che indossa. Ci sono pentole sporche ovunque e non oso immaginare cosa ci sia sul pavimento, i nas non impiegherebbero un secondo a chiudere ma, che vi devo dire, ho cenato benissimo.
28/04/19 Kyoto-Kanazawa
Partiamo per Kanazawa con Morena che non si sente bene, la share house che ci ospita è piccola e stipata di oggetti. Partiamo per il mueso del XXI sec ma l’interminabile coda ci fa desistere. Giriamo quindi nel quartiere dei Samurai dove visitiamo la casa della famiglia Nomura, con un giardino che sembra una bomboniera. Ci dividiamo; Morena torna a casa mentre io faccio un giro nel mercato che sta chiudendo, nel giardino esterno del castello ed infine nel quartiere delle geishe. Stasera ceno sola con cesar salad, patatine e la birra artigianale che ha vinto il premio come migliore del 2017.

29/04/19 Kanazawa
Dopo essere passati dal quartiere delle geishe e dalla casa di Mr Kurando Terashima, visitiamo il castello fortificato di Kanazawa ed il suo giardino Kenrouken; ci perdiamo tra le meraviglie che solo l’abile arte giapponese riesce ad armonizzare così sapientemente, non a caso è uno dei 3 giardini più belli del Giappone. All’interno del giardino visitiamo la villa Saison-Kadu con la sua collezione di bambole, talune inquietanti, tal altre buffe. Usciti dal giardino rinuncio ad assaggiare il gelato con la foglia d’oro, un must da queste parti, quindi torniamo al quartiere delle geishe per visitare una casa. A cena spiedini misti di carne, insalata e birra: voglia di cose semplici.
30/04/19 Kanazawa-Kyoto
Torniamo a Tokyo che ci accoglie con un cielo plumbeo, infatti comincia a piovere. Visitiamo il quartiere dei tessuti di Fabric Town: stoffe, bottoni, fibbie...sarebbe il nirvana di mia madre. Sfuggiamo alla pioggia in un caffè bhoemienne e successivamente girovaghiamo fino a Ueno. Torniamo ad Asakusa per il check-in chiacchierando con il concierge marchigiano e poi a cena replicando gli spiedini di pollo affinché Morena mangi qualcosa di ‘normale’: il suo stomaco si oppone mentre il mio sembra una betoniera.

01/05/19 Tokyo
Mattinata a Ueno ravvivata da bancarelle, giocolieri, folla: è festa e sembra che tutti i giappo siano qui. Giriamo per templi, giardini e pedaliamo nel laghetto su un romantico cigno rosa. Torniamo ad Asakusa dove visitiamo il mercato, la Orange Road e cerchiamo di avvicinarci al Shinson-in Temple ma la folla è soffocante. Dirigiamo quindi verso la torre di Tokyo salendo al 22esimo piano del vicino grattacielo per bere una birra ammirando lo sky-line. Quando usciamo piove, così decidiamo di assistere ad uno spettacolo del planetario: i centri commerciali sono città nelle città, ho la nausea per la folla che gira, raggiungere il 7o piano è una vera impresa. Quando usciamo ceniamo in uno dei ristoranti meno affollati. E’ iniziata la nuova era con l’insediamento del nuovo imperatore.

02-03/05/19 Tokyo-Pechino-Milano
Ultime ore nella terra del sol levante, un mondo così diverso rispetto al nostro: educazione, cortesia, pulizia, sicurezza, gentilezza, ordine, grazia, bellezza ma anche solitudine, freddezza, evasione. Torno in Italia con quella sensazione di “si potrebbe ma non è” che talvolta mi farebbe scappar via. Da loro è appena iniziata la nuova era, forse arriverà anche per noi.

Arigatou gozaimasu More
Frog

lunedì 28 ottobre 2019

Perchè correre?




Perchè ci fa stare bene, perchè stimola le endorfine, perchè bruci calorie che puoi reintegrare mangiando e bevendo sentendoti meno in colpa, per arrivare dal punto A al punto B, perchè la fatica svuota la testa, perchè riempi i polmoni di ossigeno, per mettersi in gioco, per stare in compagnia o per stare soli, per tagliare un traguardo vincendo una medaglia, per vedere posti nuovi, per ravvivare un prezioso ricordo, per accompagnare un genitore, per spingere qualcuno suonando maracas col sorriso sulle labbra e la gioia nel cuore.

Frog





domenica 20 ottobre 2019

Ecomaratona Chianti Classico















Torniamo a Castelnuovo Berardenga dopo 5 anni e più numerosi di allora. Ho fortemente voluto questa trasferta perchè ne serbavo un così bel ricordo, e la memoria non mi ha tradita. La strada è tanta ma scorre in allegria nei 9x2 posti e nelle auto, ovviamente ci si ferma per un luculliano pranzo prima di Siena, poi gli acquisti in cantina e il giringiro a Siena. Si ritirano i pettorali nel paesino invaso dai podisti e giusto un po' di riposo prima di cena perchè, come è noto, le Salamelle non peccano di inappetenza. Andiamo a nanna con la speranza di un bel sonno ristoratore e la mattina, taaac, la colazione del podista non può mancare.

A parte i 2 maratoneti Laura e Lidio, accompagnati da Aurora al Castello di Brolio, siamo tutti a Castelnuovo, tra battute, ricerca di bagni, foto di rito e sorrisi stampati sui visi. Alle 9:30 si parte, un fiume di persone, ognuno al suo passo, temendo le salite mentre si affronta immediatamente la discesa. Il percorso è cambiato rispetto a 5 anni fa, più lungo con un dislivello inferiore, ma la fatica si fa sentire e tanto, però lo sguardo si allunga sulle colline, sui filari di vite, sui viali con i cipressi, sulle case di mattoni rossi. I colori dell'autunno si accendono quando il sole illumina questa parte di Toscana che allarga il cuore, come ci avevano detto.

Strade bianche, prati, terreni cretosi, il profumo d'erba, di menta, di mosto. Ristori ricchi ed abbondanti, ben 5 in 21 km, più il finale. In un tira e molla continuo, percorro la strada con Verò ma non credo riuscirò ad arrivare insieme a lei com'è successo 5 anni fa, invece è così, e francamente non mi sembra vero. Ognuno di noi arriva ed è finisher, anche i 2 maratoneti (Lidio aveva un conto in sospeso e l'ha saldato).
Che dire se non bravissimi a tutti i podisti e grazie a tutti per questo fantastico week end, un particolare plauso ai guidatori.
Alla prossima occasione.

Frog







lunedì 29 luglio 2019

E tutto ad un tratto... lo stop!

Mattina iniziata bene: il bar di Vittoria è già aperto per me alle 5.45 (apre alle 6), per una buona colazione e per una prima chiacchierata.
Poi il cammino.
Zoppico da una settimana per una piaga sotto il piede (non l'avevo detto per non preoccupare nessuno), ma da ieri anche il polpaccio corrispondente è dolorante, per lo sforzo della spinta.
Dopo 2 ore e mezza di cammino arrivo a Fucecchio, ma in quel tempo si è affacciata alla mia mente l'ipotesi di fermarmi: per chi o per cosa continuare?
Non ne vedo la necessità né il senso, soprattutto perché cammino da solo (e non mi sto cercando) e perché questo macinare km sta prendendo più un profilo agonistico, piuttosto che spirituale o culturale. Ne vale la pena?
Allora è deciso: torno a casa.
Ironia della sorte, proprio questo è il momento nel quale vengo avvicinato da 3 cittadini di Fucecchio in successione per congratularsi per il mio essere pellegrino. Il primo dei tre, Ennio, si mostra particolarmente entusiasta della cosa: ha concluso la Francigena lo scorso dicembre e l'ha trovata più naturale e brulla, altro che Santiago.
Proprio a lui dico della mia decisione di fermarmi, ma non discuto il confronto.
Non è tempo di bilanci, perché non è finito niente. Ma, per gli amanti dei numeri, posso dire che in 9 giorni ho percorso 250 km e ne mancano ancora 400 a Roma.
Chissà se li concluderò.

Ripresa e sosta


Ieri sera ero davvero stanco e poco dopo cena sono letteralmente crollato, con in mano il lettore ebook che non sono neanche riuscito ad accendere: me lo sono ritrovato ancora lì quando mi sono svegliato durante la notte.
La stanchezza giustifica - ai miei occhi - il fatto che abbia dimenticato di menzionare due begli incontri: una famiglia di Zurigo, partita a piedi da Roma e diretta a casa e che, al momento, desiderava di vedere finalmente il mare; e poi Donatella, hospitalera dinamica e attenta a tutto (anche l'acqua fresca in frigorifero!), con quella parlata toscana così verace che mi incanta sempre.
Stamattina mi sono dato un po' di tempo per decidere cosa fare. Dopo una notte di pioggia e con la previsione che sarebbe piovuto tutto il giorno, cosa fa un pellegrino? Si ferma a Lucca oppure al primo ostello sulla via o segue il proprio programma?
Verificato che la pioggia non fosse torrenziale, ho deciso di camminare come nulla fosse. Quindi sono partito alle 6.30 (gli altri pellegrini non si erano ancora mossi).
La pioggia è continuata fino alle 11, ma i piedi a mollo non si sono lamentati più di tanto.
Inoltre ho conosciuto 3 runners-maratoneti pisani, Enrico, Roberto e Alessandro, che avevano in programma di bruciare le tappe (50 km/giorno), ma non potevano permettersi un cammino continuo (quindi forse ci rivedremo più avanti, quando mi supereranno di nuovo).
Sono arrivato a Galleno, solo, e per di più dormirò per terra (al coperto) con il sacco a pelo, perché - novello Gesù - non c'era posto nell'ostello (delle suore dovevano occupare lo spazio parrocchiale). Ma non posso lamentarmi.
Sono in Toscana, e si vede: cena con menù di cinghiale.
Buon appetito

Anonimo Francigeno

domenica 28 luglio 2019

Sol transit sicut umbra. Quindi pioggia

Per la prima volta in questo cammino, sono accompagnato per gran parte dell'itinerario, ed oggi si tratta  di Alec.
Non parliamo moltissimo, ma quel tanto che serve per "inquadrarsi".

Parliamo invece molto con i ciclisti che incontriamo sulla strada e che sono una quantità consistente: l'esperienza della fatica - e della soddisfazione - ci accomuna e ci guardiamo e salutiamo sempre con simpatia.

2 situazioni al bar stamattina hanno sollecitato la mia riflessione: il primo è quello di Camaiore, che all'ora della mia colazione (7.30), già vedeva 2 persone impegnate con le macchinette del gioco a soldi (nessuna relazione con nessun altro); il secondo di Valpromaro che proponeva un curioso cartello che univa cultura della sicurezza e attenzione alle entusiasmanti vicende italo-calcistiche.

Qualcuno potrebbe tentare una sintesi che componga insieme le due situazioni. Io no, però, perché ammetto stasera un certo appannamento fisico.
La stessa condizione mi impedisce anche di trattare il senso di quella frase latina letta sulla parete di una casa e qui posta nel titolo: ci si riferisce alla fine del caldo, al continuo cambiamento delle cose, alla durata limitata anche di ciò che può sembrare eterno, o altro ancora?
In ogni caso, mentre mi sto ancora scervellando, ecco arrivare la pioggia. Forte, ma breve, lungo il cammino; maestosamente imponente durante la serata a Lucca. E pensare che c'era in programma il concerto degli Scorpion, data unica per l'Italia.
Chissà se hanno suonato. Magari qualcuno smanetta in Internet e me lo sa dire.

Anonimo Francigeno

sabato 27 luglio 2019

Il caldo, il mare e il lardo di totano

22℃ alle 5.30; 28 alle 8; 30 alle 9. Poi non ho più voluto saperne. Ma questa non è una notizia.
Da Avenza sono passato per Massa e mi sono diretto a Pietrasanta, in Versilia.

Il mare è là, lontano, ma dalle colline del comune di Montignoso si vede distintamente. Ed è il mare di Forte dei Marmi.

A proposito di marmi, se ne vedono in giro ovunque. 

C'è anche in programma la festa del Cavatore (comunque ci sono feste - gastronomiche - in ogni dove e per ogni gusto: cinghiale, cozze e tanto altro).

Cammino solitario, ma stavolta incontro per breve tempo Angelo e Alec.
Il primo è un calabrese diretto prima a Roma e poi a Paola.
Il secondo è un giovane torinese che vive la Francigena come occasione culturale. Mi ha incuriosito, perché l'ho visto 2 volte, oggi: una volta in direzione contraria alla mia; la seconda volta mi ha raggiunto mentre stavo sostando. Dunque, dove va? Semplice: a recuperare la batteria ausiliaria che aveva dimenticato in ostello. 2 ore andata e 2 ore ritorno, aggiunte a quelle previste dal suo programma.
Il paese di arrivo per me significa concedermi una birra fresca nel primo bar che incontro: oggi è stato un pub, dove Federica (la ragazza del titolare) m'ha fatto conoscere il lardo di totano ed altri salumi di mare. Interessante!
Poi all'ostello, ecco ancora Alec.
Angelo invece è andato a Camaiore,  8 km più in là: così Paola è più vicina.

Anonimo Francigeno



P.S. @ Tonino: ho scelto l'anonimato per non darti l'occasione di alimentare l'insana passione di allontanarti per settimane da casa, magari avendo qualcuno con cui parlarne.