domenica 15 ottobre 2017

LA DOMENICA DELLE SALAMELLE




Era almeno 1 anno che mancavo da Inveruno, ed i miei ricordi vertono più sulla vecchia versione della corsa, quando la 18 non esisteva, si partiva dal campo sportivo, c'era lo sciuro che a petto nudo faceva le flessioni, Tony pesava molto di più e si mangiava la peperonata all'arrivo insieme a Zazza. L'organizzazione è stata valida, solo un'incertezza sul percorso, il gruppo si porta a casa 12 kg di fusilli, ma soprattutto una bella presenza salamellica ed il ritorno della Gian che, con Betty e Miriam, affrontano il percorso dei 6. Ciccia allunga sui 12, con calma. Il resto della ciurma, si allunga sui 18, a piccoli gruppi. E alla fine? Chiacchiere e battute, il lungo acquisto di cachi, zucca e patate, coltivate sotto l'occhio vigile dei piloti Ryanair, reminiscenze del walkman, e un'altra bella domenica mattina, trascorsa in compagnia. 

Frog

domenica 8 ottobre 2017

DOMENICHE IMPEGNATIVE

Domenica davvero impegnativa per le Salamelle.


DEEJAY TEN

Due parole sulla #deejayten, vale la pena una volta farla, occorre considerare lo sbattimento per chi non vive a Milano, stai in ballo tutta la mattina dalle 6,30 alle 13,00 e alla fine hai corso 10km...certo correre a Mi può essere suggestivo.. Per me é più suggestivo correre all'aperto che in mezzo ai palazzi, comunque mi é piaciuta l'atmosfera e il colpo di colori di 4 magliette verdi in mezzo a 39996 magliette arancioni. (Renato)

Per noi la DeejayTen è sempre un appuntamento fisso. Non è certo per fare PB o chissà che ma ci piace l'atmosfera e soprattutto la maglietta! Quest'anno una marea arancione ha invaso Milano. Anche noi come Renato ci siamo detti "vale la pena una volta farla".... e non abbiamo più smesso! Ottima la compagnia, tempo stupendo e Milano (stranamente) accogliente! (Bobby Jean e The Hump)


DOPO DI NOI...

La domenica delle Salamelle non è stata solo corse. Siamo stati anche presenti  all'inaugurazione del centro "Dopo di Noi, con Noi" degli amici di Anfass. Crediamo che le foto parlino da sole....


TRAIL DI GORBIO

Weed end con trasferta oltre confine per il trail di Gorbio, piccolo paesino nell'entroterra di Menton. 

Percorso con panorama mozzafiato, 16 km con 1000 metri di dislivello positivo nei sentieri che sovrastano la costa Azzurra. La fatica è stata ripagata dalla bellezza del panorama che solo i trail ti sanno dare.

Peró...si c'è un peró...per chi dovesse fare dei trail oltre confine, sappiate che i francesi (al contrario di noi italiani veri maestri della ristorazione), beh loro non mettono nessun tipo di ristoro lungo il percorso, neanche l'acqua per poter riempire le borracce, lo si fa tutto in completa e assoluta autonomia idrica, e noi non lo sapevamo... per fortuna avevamo abbondato con un litro d'acqua a testa altrimenti era da rimanerci secche disidratate visto il caldo. Tuttavia all'arrivo siamo state accolte  da un ristoro con coca cola fresca, uvetta, banane, madeleine (che dicono sia un 
dolce francese ma per me è paro paro al plume cake) e in fine la pasta in bianco con l'emmental ...si l'emmental non il formaggio grana, bella stracotta e senza un filo d'olio, in pratica una matonella. Per fortuna ci avevamo dato dentro con le madeleine e le banane.

Comunque i trail, spezzano la monotonia della corsa su strada, sono faticosi, anche perchè bisogna stare sempre attenti a non spezzarsi le caviglie e rotolare a valle mettendo i piedi male, ma ti regalano l'emozione di vedere paesaggi fantastici...provare per credere!



Per tutte le foto di oggi, clicca qui!




martedì 3 ottobre 2017

LA DOMENICA DELLE SALAMELLE

Dopo un anno di pausa torna la classica Remigina a Sedriano con discreta presenza salamellica, impreziosita dalle new entry Laura e Rita. I percorsi erano 2: uno da 7 e l'altro da 13 tra le campagne di Sedriano e Cisliano. Buona organizzazione in generale e solita voglia di stare insieme e divertirsi delle Salamelle. 

Tutte le foto le trovi qui!


Una Salamella occupata invece a Pavia: bravo Flo!



lunedì 25 settembre 2017

AHI SETTEMBRE, MI DIRAI....


Ma chi l'ha detto che ci troviamo solo per correre?

Sabato 24 ritrovo con chiacchiere (nel senso di bla bla, non di dolci) e pesca (nel senso di bigliettini, non di pesciolini): questo è un appuntamento tradizionale salamellico al rientro dalle vacanze estive, che "fa gruppo" ed insieme autofinanziamento del gruppo. 
D'altra parte, sono le piccole cose che fanno la differenza, non è vero?
Oltre tutto, il gioco (la pesca) diverte tutti, soprattutto i piccoli, anche se talvolta qualcuno viene "pescato" a fare giochi che non divertono tutti (vero Sampei?).
Ma alla fine tutti salvi, ciotola di Zeus e giacca di Giorgy comprese.

Per vedere tutte le foto, clicca qui!

domenica 17 settembre 2017

LA DOMENICA DELLE SALAMELLE

Ogni volta scrivere delle corse della domenica diventa sempre più difficile.
Queste Salamelle hanno l'abitudine di spargersi ovunque!
Ed ecco quindi che questo fine settimana di settembre è stato caratterizzato da diverse corse. Ma vediamole un po'....

Oggi abbiamo avuto due Salamelle impegnate a Milano alla Salomon City Trail, Flo e Rondinella. Flo ci descrive così l'esperienza vissuta...

"Premetto che, se proprio dovessi scegliere un trail da fare, preferirei qualcosa di più selvaggio.. Anche se correre nella città dove ho trascorso buona parte dell'adolescenza ha sempre il suo fascino! Comunque.. Passo ora al meglio e al peggio di questa "Salomon Running 2017"..Top: il percorso é molto intrigante.. Il meglio sono senz'altro stati l'attraversamento del centro cittadino (stranamente, non ho sentito borbottii o lamentele..) e la zona tra la montagnetta di San Siro e il Parco del Portello! Fantastico correre in quelle zone con i suonatori di cornamuse in sottofondo! Infine, il dono divino della media di Paulaner al traguardo! Yesss! Flop: i ristori, sia lungo il percorso che al traguardo.. Nei primi, neanche un pezzetto di frutta.. Il secondo, invece, non c'era proprio! E poi il caos interminabile a ritirare le sacche all'arrivo.. Delirio! Tutto sommato, una bella esperienza! Anche per chi ha meno km nelle gambe, la possibilità di fare il percorso intermedio (13-15km.. Fatto l'anno scorso.) rimane una bella alternativa! E comunque.. Forza "Salamelle"!



Per la corsa di Pregnana pubblichiamo qui le parole di Ambross:


Per le foto clicca qui!

Infine questa mattina abbiamo corso anche a Ozzero.

Partenza alle 7 del mattino con nuvoloni in agguato, freddo, un po' di stanchezza post corsa (e spritz) della sera prima a Pregnana e raffreddore incipiente. 
Dato che con alcune Salamelle sono tre giorni di fila che corriamo, oggi andremo tranquilli.

Siamo un bel gruppetto: Alex tornato dalle ferie, Marassi in trasferta da Genova, Gaudo 74 e Il Diablo aggiuntisi la mattina stessa che temerari si presentano in maniche corte, gli amici svizzeri Annalisa e Bruno e Gian, che oggi presta servizio al tavolo Fiasp. Gigi bigliettaio. Gian cerca un caffè, per dare un po' di carica a questa mattinata. 

Foto di gruppo e si parte per i diversi percorsi da 9, 16 e 21 km. 
Si aggiunge in corsa Andrea Panda, che ci fa compagnia solo per cinque minuti e poi prosegue con il suo ritmo spedito.

Il percorso è molto bello, un po' in paese, un po' nel Parco Sud, un po' attraverso le cascine nella zona. Belli gli scorci della campagna di Ozzero, non a caso la corsa si chiama "Tra Ris e Mengon".

Dopo uno sterrato in mezzo ai boschi tra pozzanghere e fango fresco, ci troviamo con tutto il gruppo al secondo ristoro al 10° km al bivio tra il percorso dei 16 e dei 21.

Non volevo forzare ma mi lascio convincere dal "Club 21" a proseguire per la strada più lunga sempre a ritmo blando. Il percorso dei 21 non è altro che un anello che passa da Fallavecchia e ritorna al ristoro del 10° km. Con tutta calma e sfiorati dal pensiero di rallentare o fermarci, arriviamo finalmente al traguardo dove ci aspetta un ottimo risotto, panini e dolci vari.

Il riconoscimento è una bottiglia di vino e un cesto per il gruppo.

Da menzionare il cane Aron degli amici della ia Baracca di Ossona che per 5 minuti è stato anche la nostra mascotte.

Il cielo grigio si è aperto ed è uscito pure il sole, regalandoci uno dei percorsi più belli che mi sia capitato di fare. Scusate se mi ripeto ma svegliarsi presto la domenica per correre e scambiare due chiacchiere e tante risate con le Salamelle, vale sempre la pena.

PS: Facciamo uno grosso in bocca al lupo a Eugenio, che trascorrerà un anno in USA per studiare e che ha lasciato a papà Gigi il compito di raccontarci, in corsa, le sue avventure dal Missouri. Mentre correremo ti penseremo, ogni tanto la domenica mattina ti fischieranno le orecchie, ma siamo sicuri così sentirai più forte il nostro affetto salamellico. Alla fine "ci vuole poco per sentirsi più vicini".


Per le foto clicca qui!




domenica 10 settembre 2017

SALAMELLE OVUNQUE

Oggi Salamelle un po' ovunque.

Chi alla Maramotta.... un must, anche se... Ce ne dimentichiamo.
Facciamo presto che l'Inter gioca alle 12 a San Siro.
Credevo di trovare fango e quindi scarpe sbagliate.
Gli Ibernati non si sono scongelati in tempo.
La maglietta la subisci.
Devo fare un lungo ma lungo non è.
Ad ogni modo, Italia Uno.

P.S: un abbraccio a Claudia e Andrea: fate i bravi che manca poco.

Gigi






Chi alla sua prima mezza..... bravissimo Drummer!






Chi, infine ad Arluno....


"Non sarò molto obiettiva nel giudicare questa corsa, innanzitutto perché organizzata dagli amici dell'Atletico Arluno, poi perché sapevo in partenza che il percorso attraverso il Parco del Roccolo ci avrebbe regalato begli scorci e a pochi minuti da casa. Le premesse per la giornata però non erano delle migliori soprattutto per la pioggia e il freddo, in aggiunta al fatto che avevamo deciso di fare 21 km un po' arrugginiti dalle vacanze e con poco allenamento nelle gambe. Eppure è stato tutto bellissimo, già solo quando in macchina sono venuti a prendermi Lory, rientrata dalle vacanze, Ambro sorridente e il mitico Ciccia, tornato dopo una pausa dalle corse. Il ritrovo è al vecchio campo sportivo, punto di partenza del nuovo percorso. Lì ci aspettano Bruno S, Lidio, rimessosi dallo strappo di venerdì, e il Principe. Foto di rito e partenza un po' imbacuccati, dato che ha ripreso a piovere, però il gruppo si divide subito al primo km al bivio per i tre percorsi. 
Qualcuno va verso i 7, Lory prende i 12, io, Ambro, Bruno S e Principe ci avventuriamo sui 21. Dicevamo che il percorso è cambiato rispetto agli anni precedenti e si svolge prevalentemente nel Parco del Roccolo, incrociandosi per 3 volte su se stesso. Sono risultati tattici i punti di ristoro che erano di fatto l'oasi e il passaggio per tutti i percorsi. Tantissima frutta, torte, thé, acqua, acqua e menta, limone e arancia di rito. Un bel percorso verde e in campagna, oggi funestato dal maltempo, quindi molte pozzanghere e un po' di fango, divertimento per i corridori che si sentono ancora un po' bambini. Man mano che andiamo avanti, con momenti in cui crediamo di non farcela, ci togliamo qualche strato di vestiti e finalmente smette di piovere. Alla fine il cielo nuvoloso e autunnale è il clima ideale per il podista. Un po' al proprio passo, un po' tirati dai compagni di squadra, arriviamo tutti e quattro in contemporanea al traguardo con grandissimi sorrisi e una forte emozione, tra il tifo degli amici delle altre squadre e quello di Lory, Lidio e Ciccia che ci aspettano al ristoro già belli cambiati e profumati. E allora a casa verso le lasagne ma con il cuore pieno di gioia. Quando penso perché mi piace correre e fare così tanta fatica, alla fine mi dico perché è bellissimo trovare i sorrisi al traguardo e sentire quella sensazione di euforia per tutta la domenica."


Barbara

SALAMELLE ESTIVE

Sia chiaro: anche se in vacanza, sempre Salamelle.
E la maglietta verde non può mancare!





























venerdì 8 settembre 2017

SALAMELLE DI SERA





Eccoci qui a Cassinetta di Lugagnano, finalmente stasera corro in casa. Che bello vedere la marea di podisti sfilare tra strade, ville d'epoca, campagne e cascine del mio amato paese. Incontrare visi famigliari e amici della porta accanto riuniti per l'evento dell'anno. Fantastico il ricco ristoro finale, il delizioso risotto della pro-loco e la golosa borsa gastronomica. Eh già, sono onorata di essere una Salamella Cassinettese.

Verò