giovedì 14 luglio 2022

Kauai e Moloka'i... fanno rima con Hawaii

Ecco il diario del nostro ultimo viaggio pre-Covid. L'avevo preparato tantissimo tempo fa ed era rimasto nelle bozze... fino ad oggi! Ah dimenticavo, l'ho scritto in inglese cosi' anche i miei amici americani che erano con noi lo possono leggere. Sorry!!! Guaz :-)

[Writing in English to allow my American friends, who joined me in this trip, to read the story as well]

Holidays 2019: destination Hawaii! "Again?!?" someone will say. Yes, again.
2 reasons: 1. Two of the Hawaiian islands were still on our bucket list 2. Part of our family is from there (James, our bestman, was born in Oahu and his relatives live there)

So, it's decided: 7 nights in Kauai, 4 nights in the remote Moloka'i and 1 night in Honolulu to say hi to James' family.
We travel with 2 other friends from the Zug Italian gang: Elen and Anna. We fly all together from Zurich to London, then to Los Angeles and the last leg is to Lihue, the main airport in Kauai.
All goes well except for a "small" accident at the LA airport which costs us a bottle of champagne and leaves a "nice" smell on our clothes and luggage... (if you want additional info, please ask Bruno - yes, believe it or not, this time it's not my fault).

Once landed, we meet James and his sister Linda who flew from Honululu to spend the weekend with us (how cool is that?!? "Yeah, no big plans for this weekend... just flying to Kauai" :-)).
It's 6 of us and the crazy minivan is full - for now ;-)

Kauai is called the "garden island" and it's enough to drive 10 min to understand why. Everything around you is green! Huge plants, palms, trees, extended green fields... happiness for our eyes!

We stay in an apartment in the south of the Island (known as the "sunny side"), super close to Poipu Beach Park, which becomes our first destination after grocery shopping.
The beach is white, with small waves, easy access and.. surprise surprise, 2 monk seals (endangered species in Hawaii) sleeping on the beach the entire day. Tough life!

The first day goes well and, due to the jet lag, we go to bed at 9-9.30pm and wake up at 6.30am. This habit remains more or less the same the entire holidays and it's actually not so bad since it gives us the possibility to enjoy the whole day, sunset included.

Sunday starts with an early wake up for Bruno and me since we want to go swimming before breakfast: and this is when we see 3 green turtle ("Honu" in Hawaiian) sleeping on the beach! Amazing!! And even more amazing seeing that everyone, tourists included, respect the 2 metres distance from the animals!
Morning goes fast (and breakfast prepared by James is lovely, as usual! He always takes care of us ;-)) and we decide to drive up to Waimea Valley in the afternoon.
From the sea level to the mountains it's a short trip; this is what I like of Hawaii: gorgeous beaches not far away from beautiful hikes and breathless views! Waimea valley is famous for its canyon which was the set of Jurassic Park and has red and pink stone layers surrounded by green forests. And from the top, you can even see the Napali coast, one of the main attraction of Kauai. Super beautiful!!
We do not stay long since Linda has a flight to catch in the evening but time spent there is enough to convince us to book an helicopter ride the following day. We want to see Waimea and the Napali coast from the sky!



Monday is the day of what I have been waiting for long time: hiking in the Napali coast! On paper an easy hike, not too long (4 miles in total), not too up&down and with amazing view. In reality? An intense hike, with super slippery ground, not too up&down and with amazing view. 50% of the info we had were true, at least :-)

The highlight of the hike (besides the fact that we survived!) is definitively the beach you can reach after 2 miles. Long, white, with huge waves which reaches your feet even if you stay far away (thankfully the sun was strong enough to dry a bit our socks and boots while we had our sandwiches). Ah, I forgot to say: this adventure was only for me, Bruno and James, the brave people (or the fool?!?). Anna and Elen chose a bumpy but safer boat tour ;-)


A couple of days after, it was the day for the helicopter ride! Elen was a bit sick so this time it was the 4 of us: Anna and Bruno in the front row (it's cool to have our favourite flight attendant and our favourite photographer in the best seats), James and me in the back row with a young German speaking couple.
It was the first time for me on an helicopter and I was soooo happy!! We saw the entire island from the sky, moving closer to the waterfall of the opening scene in Jurassic Park, flying over the Waimea canyon and the Napali coast. Definitively recommended!

Kauai is really a nice and green island: every day we tried a different beach but at the end, due to the good weather, the best one was Poipu, the closest to us. Sunsets were obviously amazing, especially the last one when we were organized with cold beer, G&T and chips, like pros!

Leaving Kauai after 8 days was tough, but the idea to visit the remote island of Moloka'i was something exciting!
Moloka'i is quite small, with only 7000 inhabitants and not touched by tourism. Actually, people from Moloka'i do not want tourists: some of them are happy because tourists bring money, but they are against people moving there or staying too long. We saw many times a sign "Come, visit, spend and go home!".
Luckily not everyone thinks the same and we felt welcome most of the time: locals love to talk to you and tell their stories for hours. They are friendly, chilled and happy because you decided to visit their beautiful and remote island.
The best was a local couple who Elen and Anna met at the beach: they were lovely, with incredible stories to tell, tons of kids (7 if I remember well... all grown-up and all spread on the Hawaiian islands) and... they gave us an octopus as gift! A real one, which the guy catched in the afternoon. We tried to said no but they told us "we will be 20 people at dinner.. so 1 octopus would not be enough for all of us... you are not so many so you can enjoy it!". And btw, the octopus was delicious!

I forgot to mention that in Moloka'i we finally met Doug who flew directly from China! He was supposed to be with us for the whole time but a last-minute business trip ruined all plans. However at the end this was funny, since he arrived one day after us and he flew with a tiny plane from Honululu which looked like a private plane!! The airport there is so small that departures and arrivals are in the same hall.. the baggage are deposited by a guy directly on the floor outside of the airport and, if you want to wait for someone, you can just stand behind a glass door and you can see their plane landing not far from you (and in our case we could even see Doug while he was sitting on the plane!).

So, with Doug, we completed the crew of 6 people and we decided to go for one of the highlights of Moloka'i: diving and snorkeling.
The diving centre is the fuel station, which is also the souvenir shop, the fishing shop, the sunglasses shop, the clothes shop and the snack bar.... kind of a shopping mall in 20 square meter!!
We booked the first tour, leaving the harbour at 6.45am. Auch! ..our b&b was at least 40 min from there!!
So, early start for us and by 5.55 we were all in the car sleepy but excited! Unfortunately after 20 min our van (which was a "brand new" van with almost 200.000 km..) started to give us signals that it was the most tired of the group.. some lights started blinking and the cockpit looked like a Christmas tree after few minutes... And at one point, the car just switched off! Thankfully the break was still working and Bruno was able to stop the car... unfortunately the wheeler was blocked and he could not move the car on the side of the road..
So.. we were blocked, in the middle of the main road of the Island (guess what... it's the only "big" one) at 6.30 am, with no reception for our mobile phones!
But, as we said before, people from Moloka'i are amazing and a car stopped immediately when he saw us!
And... after the car... the school bus!!! Not the minivan with 15 kids which we see sometimes in Italy... the BIG yellow school bus from the Simpsons with tons of kids looking at us!!!!! And the lady who was driving it was definitely the best one!! She parked the bus in the middle of the road blocking both ways and she called the police to ask for help!
In the meantime a queue of cars started to form behind the bus... So because of us many people and all kids at school arrived late that day!
As cherry on the cake, we didn't have 1 police car but 2!!!! All forces from Moloka'i were there for us!!!
The policemen were like actors from Hawaii Five-0.. with tribal tattoos, sunglasses, and muscles typical of people who spend their days in the gym!
But the best part was that the diving centre sent us a guy with a pick up to being us to the harbour: we were 6 + the driver ... the pickup had only 2 seats including the one for the driver..
Since maths is only an opinion, we managed it! 3 in the front row and 4 in the back.. in the open air! And obviously, we left in front of the policemen...
So, after the initial panic, at the end we were lucky, all went well. We had a lot of fun, we met all locals, we became famous for a day, we became friend with the policemen (who said Hi to us the following day when we met at a food truck eating poke) and we even went out for an amazing snorkeling activity!!
We saw the most beautiful reef in Hawaii and the best thing was that we were the only boat out there. Really magical and unbelievable how many turtles and eagle rays we saw!
So, definitely Moloka'i is a hidden jewel in Hawaii and we really hope it will stay like that for a loooong time!
And we will never forget the saying from Moloka'i: "whatever happens in Moloka'i.... everybody already knows!"
After Molokai we were almost at the end of our amazing vacation. We flew to Honululu where we had to say bye to Elen&Anna (the lucky girls kept travelling for additional 2 weeks!!!!!) and then we went to visit our Hawaiian family :-)
A cool dinner with Linda, Cecil and Sherwood has been the best way to conclude our holidays (not to mention the pasta with poke created by Chef Zazza and James).
Thank you again guys. You always made us feel at home.
Mahalo and see you soon ;-)

lunedì 4 aprile 2022

Da una maratona di Milano 2 anni dopo

 ...Aurora non vorrei dire ma quella era la mia 'rossa'. Comunque anche questa è stata una bella esperienza. Amici di Barbara che salutavano le Salamelle quando passavo, volontari VTV che salutavano ai lati del percorso, Salamelle che si sono fatte trovare in punti diversi da quelli dichiarati sulla mappa (no io sarò qui e vengo in bici). Ad un certo punto, visto che guardavo tutte le bici, uno della Tigre mi ha detto: "Pensa a correre che per prenderti la bici ci pensi dopo". Corridori che mi dicevano che si iscrivevano al gruppo (mia risposta "Ti aspettiamo a braccia aperte dopo aver documentato il tuo spirito Salamellico...." si ingrigivano e poi spiegavo "nel senso se ami la compagnia ma soprattutto la birra..." ridevano e proseguivano). Salamelle che applaudivano con ausili rumorosi ed incitavano ad arrivare al traguardo. Salamelle quasi all'arrivo che correvano dal lato della relay al lato della maratona e viceversa per incitare le Salamelle. E Salamelle al rush finale della relay che ti chiamano esultando visto che stai per tagliare il traguardo insieme a loro. Che dire ma che bel gruppo che siamo!

Il Segretario


















domenica 13 marzo 2022

Candidati elezione Consiglio Direttivo

Ecco i candidati per le prossime elezioni del Consiglio Direttivo cui va tutto il nostro plauso per la disponibilità. I volti sono tutti noti ai più, l'impegno ed il cuore 💚 anche!

1. Claudiokey - Claudio Chiavelli                                2. Drummer - Alessandro Restelli

3. Gian - Giancarla Zucchetti                                       4. Giorgy - Loredana Zappavigna                                                      
5. Guaz - Annalisa Guazzotti                                        6. Il segretario - Roberto Costantino                              

7. Lidio - Lidio Trenta                                                                                                                                     

   

giovedì 3 marzo 2022

Convocazione Assemblea annuale Soci - 2022

 Avviso per tutti gli iscritti all'ASD Le Salamelle AVIS Abbiategrasso:


L'assemblea annuale dei soci avra' luogo il giorno giovedi 24 marzo 2022 alle ore 12 presso la sede di via Sabotino 35 in prima convocazione e in seconda convocazione 

VENERDI 25 MARZO  2022 ALLE ORE 21.00

presso l'Auditorium dell'Annunciata Via Pontida 22, Abbiategrasso.

Scaricate l'ordine del giorno e il modulo di delega (da compilare se necessario):



domenica 13 febbraio 2022

Il Molise esiste!



Qui le foto

 6 agosto 2021 Bologna > Spinetoli

Si parte con qualche minuto di ritardo sulla tabella di marcia, non sapremo mai se è dipeso da quello ma, pochi minuti dopo aver imboccato l'autostrada, siamo in coda per un incidente con tanto di auto ribaltata. Passato il punto riprendiamo la strada fino a Martinsicuro, parcheggiamo, piantiamo l'ombrellone in spiaggia libera con distanziamento, e andiamo a pranzo: spaghetti al sugo di granchio e frittura mista. Pomeriggio in relax sulla battigia e riprendiamo l'auto verso Spinetoli, fermandoci per vedere la Torre Carlo V. Cena a base di olive ascolane, salvia fritta, arrosticini, straccetti di manzo al rosmarino con cicoria ripassata, tutto annaffiato da Montepulciano. Una passeggiata nel suggestivo borgo antico permette di smaltire un po', alla luce dei lampioni ci accolgono il castello e le mura sopraelevate.

7 agosto 2021 Spinetoli > Larino

Dopo colazione partiamo per raggiungere la 2a regione più piccola d'Italia; c'è traffico e, a causa di un incidente, decidiamo di uscire dall'autostrada percorrendo la statale. I km scorrono più o meno lenti, i campi bruciati dal sole si intervallano ai filari di vite e olivi, affacciandosi sul mare turchese. Raggiungiamo la Torre di Montebello che domina da un'altura e ci perdiamo tra stradine assurde per non raggiungere Petacciato Marina con il maledetto maps. Sarà la ns iniziativa ad avere la meglio (il cervello è superiore a qualsiasi tecnologia). Andiamo in spiaggia libera, l'acqua è increspata per il vento, anche qui vige il distanziamento, complimenti per l'organizzazione! Dopo le passeggiate, i libri ed il relax, raggiungiamo l'agriturismo Sorgenti di Luna in un bucolico paesaggio agreste. Ceniamo da Wilma che ci ospita, una cucina semplice e tradizionale: pecorino con confettura di ciliegie autoctona, bicchierini tricolore, fave e catalogna, prosciutto e melone, cavatelli con sugo di pallotte cacio ed ova, pampanella con insalata. Meno male che dobbiamo solo salire le scale per andare a dormire.

8 agosto 2021 Larino e Termoli

Colazione super abbondante dopo la quale visitiamo, passando da un buco nella rete, un Foro romano poco distante e abbandonato (pazzi!). Bellissimo il mosaico con soggetti marini. Dirigiamo poi all'anfiteatro, visitabile gratuitamente. Nello stesso parco dell'anfiteatro c'è villa Zappone, in stile liberty, in fase di restauro ma riusciamo comunque a vedere qualcosa. Continuiamo a piedi verso il borgo, vagando per le strade lastricate di pietra. Partecipiamo alla visita guidata dove Silvia ci racconta la storia della cittadina e delle sue chiese. Pranziamo all'Osteria del Borgo condividendo un antipasto molisano, raviolo alla stracciatella e pomodorini, cavatelli alla ventricina e un calice di falanghina. Una volta uscite, dopo un paio di tentativi, imbocchiamo il sentiero delle fontane e torniamo all'agriturismo per una doccia anti calura. Con l'auto raggiungiamo Termoli dove visitiamo il borgo racchiuso nelle mura del castello Svevo. Prendiamo parte alla visita di Termoli sotteranea (che non ci convince) e, dopo la foto di rito nel vicolo più stretto del mondo (34cm), andiamo a cena da Pesce Nostrum: cevice di gamberi, polipo arrosto, spada su crema di topinambur, tonno alla griglia, tutto accompagnato da 2 calici di pecorino. Piatti ben fatti, molto curati, con ottima materia prima, i complimenti allo chef sono spontanei.

9 agosto 2021 Rio Vivo

Giornata relax sulla spiaggia di Rio Vivo tra bagni nell'acqua fresca e penichelle sotto l'ombrellone. Cena all'agriturismo con Wilma agitata per la presenza dei Lacuna Coil che arrivano tardi e, carramba, uno di loro è del paese dei miei. Un plauso alla terrina di fagioli imbutunati, slurp! Il marito di Wilma continua a parlarci riempiendoci i bicchieri con diversi vini, ci ha preso in simpatia ma la testa gira.

10 agosto 2021 Larino > Campobasso 

Salutiamo i ns ospiti con le indicazioni di dove andare a mangiare a Campobasso :-) Torniamo a Larino per visitare il museo, situato nel municipio, gratuito e aperto appositamente per noi. Giriamo per le sale senza alcun controllo, sconvolgente! Riprendiamo l'auto per raggiungere il borgo ed il lago di Guardialfiera, rinunciando alla ricerca del ponte di Annibale, che riemerge quando il lago è particolarmente secco. Il caldo torrido è opprimente ma esploriamo ugualmente i vicoli silenziosi. Proseguiamo per Civitacampomarano caratteristico per la street art e successivamente Lucito, addossandoci ai muri per restare in ombra. Continuiamo visitando il santuario di Santa Maria della Strada e per ultimo San Giovanni in Galdo dove ordiniamo un caffè in una trattoria. Eva chiacchiera con il proprietario, io con 2 commensali con vedute diametralmente opposte sulla vita. Alla mia domanda "Ma tu che lavoro fai?" il più giovane mi risponde "Il reddito di cittadinanza", ribatto "Fosse per me saresti già licenziato!". Arriviamo infine a Campobasso cenando con controfiletto e cicoria.

11 agosto 2021 Sepino, Guardiaregia, Bojano

Visita al borgo di Sepino dove la campana fuori dalla porta di S.ta Cristina, attira la mia curiosità: le maniglie sono formate da donne con le mammelle scoperte e una collana attorno al collo. Proseguiamo per l'area archeologica, ben conservata e paradossalmente gratuita a causa di 3 famiglie residenti. Continuiamo per Guardiaregia: il borgo non è nulla di chè ma imbocchiamo diversi percorsi naturalistici, quello più decantato è San Nicola, peccato che la rinomata cascata è secca e le gole, dall'alto, non sono apprezzabili. Raggiungiamo quindi Bojano da cui parte un trek per l'eremo di San Egidio; Eva lo raggiunge in auto e a piedi scoprendo, suo malgrado, che è stato trasformato in un moderno rifugio ed è chiuso, io parto per il percorso che si perde nel bosco con deviazioni sospette senza cartelli. Sono sola e devo aggirare dei cavalli ben piazzati sul sentiero che non hanno intenzione di spostarsi, cammino ancora a sensazione e l'acqua nella borraccia comincia a scarseggiare, giro quindi sui tacchi ritrovandomi, dopo qualche tentativo, sulla stradina asfaltata che raggiunge l'eremo e lì, dopo aver percorso ancora qualche km in salita ammirando il paesaggio dall'alto, ritrovo Eva che scende in auto. Torniamo a Boiano per dissetarci con una vera granita al caffè con la panna (al nord non la sanno fare così). Torniamo a Campobasso e, dopo aver attraversato tutta la città, raggiungiamo il ristorante vintage consigliato: tripudio di antipasti crudi, freddi e caldi, pesce grigliato e fritto e una bottiglia di Falanghina che evapora.

12 agosto 2021 Campitello matese

La giornata dovrebbe essere dedicata al trekking in montagna ma è oscuro il concetto di segnare i sentieri. Un signore al bar ci indica un percorso, segnato da lui stesso, l'approcciamo raggiungendo la cresta in poco tempo dopo aver attraversato un bosco di faggi. Ci spostiamo a Ripalimosani ma il borgo è chiuso a qualsiasi tipo di visita nonostante oggi dovrebbe essere in festa. Torniamo a Campobasso per un aperitivo in centro, osservando l'arte dello struscio, e ceniamo con baccalà.

13 agosto 2021 Campobasso e Guardiaregia

Visita della città vecchia, con le chiese ed il castello, talvolta carpisco qualche parola in dialetto dei signori intenti nell'arte della chiacchiera, mentre le signore sono affaccendate con le borse della spesa o a stendere i panni profumando i vicoli di bucato. Dopo un pranzo con insalatona, partiamo per Guardiaregia, l'obiettivo è il trek dei 3 frati. Raggiungiamo il punto di partenza con qualche titubanza e, con indicazioni ampiamente interpretative, riusciamo a raggiungere finalmente i 3 giganteschi faggi di almeno 500 anni. Torniamo all'auto totalizzando 10km, il bosco è davvero molto bello anche se estremamente secco. A cena pizza mozzarella, provola affumicata, pomodori gialli e battuto di pesto: buonissima!

14 agosto 2021 Campobasso > Isernia

Lasciamo il capoluogo di provincia, la prima tappa è Oratino, piccolo gioiello incastonato sulle alture dove una simpatica signora ci ferma più volte per chiacchierare. Proseguiamo per Frosolone dove vagabondiamo per il borgo fino all'ora di pranzo che ci porta ad entrare in una taverna. Accanto al nostro tavolo, 3 locali attaccano bottone: strano assortimento. Degustiamo un tagliere di formaggi e tortelli ricotta e spinaci al sugo. Riprendiamo l'auto per Roccamandolfi dove seguiamo il percorso guidato dei cartelli che raccontano le passate storie di brigantaggio. Assolutamente degna di nota la collezione di presepi dal mondo di una sig.ra, visitabile gratuitamente. Ci spostiamo di qualche km per attraversare (solo io) il ponte tibetano...vabbè, nulla di chè, successivamente saliamo al castello diroccato con una bella vista a 360°. Ultima tappa il santuario gotico di Castelpetroso, assolutamente imprevedibile nel contesto molisano. Arriviamo a Isernia, il b&b è una bella dimora storica, la cena si svolge in un suggestivo giardino interno: crostone di pane con uovo, funghi e tartufo, maialino nero con prugne, miele e mandorle, l'immancabile cicoria saltata e un calice di rosato. Anche la ratafia merita una menzione. Giusto 4 passi post cena nella calca locale e turistica.

15 agosto 2021 Isernia, Monteroduni, Venafro

Dopo la colazione al Caffè Letterario andiamo in giro per Isernia che non ha molti monumenti da offrire. Raggiungiamo a piedi il museo paleolitico, ben allestito, dove è possibile circumnavigare lo scavo che ha dato luogo al tutto. Torniamo in città per un aperitivo e pranziamo in una osteria troppo affollata e con probabili pochi se non nulli green pass controllati. Ordino uno spaghetto al baccalà, gustoso ed abbondante. Prendiamo l'auto per le cascate del Carpinone ma, quando arriviamo, proseguiamo; la bolgia scoraggia. Continuiamo per Monteroduni ma, il borgo fantasma non è granchè ed il castello-fortezza è chiuso. Proseguiamo quindi per Venafro, la città delle 33 chiese (chiuse). Visitiamo il castello con annesso il museo del Molise. Alternativi gli affreschi in rilievo a soggetto equestre. Visitiamo la Chiesa principale dove si è appena celebrato un matrimonio e torniamo ad Isernia per la cena: burrata, tris di crostini, baccalà grigliato su letto di cicoria, accompagnato da un calice di passerina. A conclusione di cotanta bontà, una genziana.

16 agosto 2021 Fornelli, Cerro al Volturno, San Vincenzo al Volturno, Scapoli

Prima tappa Fornelli: borgo fortificato circondato da possenti mura. Si prosegue per Cerro al Volturno che, francamente, mostra solo un castello chiuso, ma abitato, su uno sperone roccioso pesantemente rinforzato dal cemento (tappa da evitare). Continuiamo per San Vincenzo al Volturno con una spettacolare vista dell'omonimo lago azzurro. Ci perdiamo nei vicoli del borgo e pranziamo con 2 insalatone in terrazza. C'è una troupe di RAI3 che riprende lo spegnimento degli incendi nella montagna antistante, in fiamme da 2 giorni. L'elicottero pesca l'acqua dal lago con un braccio. Circumnavighiamo il lago dove molti sostano per il pic nic e riprendiamo la strada per Scapoli dove visitiamo un ricco e interessante museo delle zampogne. Dopo 2 birrette si torna a Isernia per la cena: carpaccio con riduzione di lime-zenzero-mango, pici con ragù battuto al coltello (decisamente troppo salati), wok di verdure, tutto accompagnato da un calice di falanghina. Il locale ha aperto da poco e c'è ampio margine di miglioramento.

17 agosto 2021 Pietrabbondante, Collemeluccio, Carpinone

Mattinata a Pietrabbondante, piccolo borgo amato dai suoi abitanti che, attraverso l'uncinetto, hanno espresso la loro resilienza al lock down imposto dal covid. Il sito archeologico è ancora in fase di scoperta e studio. Pranziamo nel bosco della riserva di Collemeluccio, dove i professionisti del barbecue danno il meglio di sè. Dopo aver passeggiato nei boschi seguendo un paio di sentieri, dirigiamo per Carpinone. Parcheggiamo per strada perchè il parcheggio con offerta libera di almeno 5€ ci suona male. C'è troppa gente e le cascate non sono granchè, c'è ben altro da vedere in Molise! Il borgo è abbandonato a sè stesso, come tanti in Italia. Torniamo quindi per l'ultima cena ad Isernia: tagliatelle con riduzione di Tintilla, guanciale, cipolla e pecorino, caciocavallo in forno con tartufo. Ahimè, le tagliatelle non sono cotte bene e del tartufo nessun sentore. Ultima passeggiata serale per la città.

 18 agosto 2021 Isernia > Vasto

Si parte da Isernia in direzione Agnone, la città delle campane, infatti la visita al museo della Pontificia fonderia Marinelli, erudisce nel merito e stupisce nella pratica. Visitiamo il centro storico dove è presente una Chiesa ad ogni angolo. Dopo il pranzo a base di pinza ripartiamo per Bagnoli in Trigno, o meglio, al terzo tentativo di uscire da Agnone, finalmente imbocchiamo la via giusta. Il borgo è annoverato come 'la perla del Molise'...dissento fortemente, a malapena merita una foto da lontano. Proseguiamo per S.ta Maria del Canneto, semplice santuario in pietra ma d'effetto, all'interno un altare  laterale scolpito, candido come la neve. Visitiamo il sito al frinire inarrestabile delle cicale. Ripartiamo per Vasto ove troviamo un traffico ed una bolgia cui non eravamo più abituate. Il B&B...come dire...rispecchia la proprietaria! La cena offre antipasti caldi di pesce, tagliata di spada, un calice di pecorino e la genziana a conclusione. La passeggiata in centro conferma troppo affollamento ma la vista delle luci delle baia dalla terrazza, è impagabile.

19 agosto 2021 Vasto

Giornata di mare prima sulla spiaggia di sassi di Punta Alderici, poi su quella di sabbia di Punta Penna. Nonostante il mare mosso, l'acqua azzurra invita al bagno ed al relax. La sera ultima cena a base di pesce, certo, le porzioni sono mignon, adeguate al ristorante di livello sebbene si chiami 'osteria' ma, quello che irrita veramente, è la mancata richiesta del green pass e la mascherina non correttamente indossata! In questo, Molise batte Abruzzo 10 a 1

20 agosto 2021 Vasto > Bologna > Milano

Si torna nella ridente Lombardia partendo subito dopo colazione. I km scorrono mentre il mare azzurro ci accompagna alla nostra destra e le colline a quadretti alla nostra sinistra. A Cesena troviamo coda quindi soddisfiamo il sopraggiunto languorino a casa Artusi a Forlimpopoli. Riprendiamo la via del ritorno fino a Bologna, un gelato per merenda e la mia socia mi accompagna in autostazione dove, il mio bus, arriva con 1 ora e mezza di ritardo. A Lampugnano i fidati amici, sempre disponibili, mi riportano a casa.

Molise o Abruzzo? Simili ma diversi, una volta uniti, ora divisi. Sicuramente l'estensione dell'Abruzzo consente più scelta, paesaggi molto diversi tra loro. Quello che davvero ci ha sorpreso è la mancanza di un possibile incasso a fronte di un patrimonio artistico e culturale di pregio, e questo è davvero un peccato, perchè porterebbe ad una miglior manutenzione e gestione dei beni, ma soprattutto ad un maggior rispetto. Ci si lamenta spesso di quanto sia cara una mostra o un biglietto di un sito, ma qui siamo ad un'antitesi quasi imbarazzante.

Frog

venerdì 17 dicembre 2021

NUOVA DATA! 23 ottobre 2022: Vi aspettiamo alla 12a Salamellando con l'AVIS!

In attesa di condividere con voi il volantino aggiornato, vi comunichiamo che la NUOVA DATA della 12a edizione della Salamellando e'

DOMENICA 23 OTTOBRE 2022









sabato 4 dicembre 2021

Cena di Natale 2021


Qui le foto

Prima di spiccare letteralmente il volo per una nuova avventura, giusto due parole scritte così come mi sento.

A distanza di 2 anni ci troviamo, timorosi e schivi, per festeggiare questo 'fine anno podistico', anzi, questi 2 anni, diversamente passati insieme. Fuori fa freddo e si sente un po' freddo anche dentro, è una sensazione strana, non siamo tantissimi però è come se fossimo estranei, quel clima conviviale che è nel nostro dna, non è così marcato. Il perchè è talmente palese: non siamo più abituati! Pian piano però ci sciogliamo, chiacchieriamo, ci canzoniamo, condividiamo quello spirito di amicizia che a distanza, in tutto questo tempo, si era assottigliato. Quando Ambro, qualche mese fa, mi ha abbracciato e Gian "Non puoi abbracciarla", lui ha risposto "E io abbraccio la mia rana preferita!". E poi Bradipo, l'ultima volta che abbiamo corso insieme, mi ha stritolato nel suo abbraccio protettivo. La stessa Gian, davanti ad una Chiesa, mi ha fatta quasi cadere stringendomi forte e appoggiandosi a me, perchè in quel momento aveva bisogno di tutto il mio sostegno, di tutta la mia forza. E Illy che mi ha sempre dimostrato tutto il suo affetto abbracciandomi, è titubante, ma basta spalancare le braccia perchè possa ritrovare un rifugio sicuro. Ecco, tutto questo è mancato enormemente. Pesante è stata l'assenza, soprattutto di alcuni, tutta la famiglia Guaz, solo per citarne 4+1. Quando abbiamo fatto la foto di gruppo, il mio cervello continuava a segnalare "Siamo troppo vicini, siamo troppo vicini, stiamo abbassando le difese...", Stefy, giustamente, ci avrebbe rimproverato ma, in quello scatto, dalla caparbia macchina fotografica di Bruno S, con indosso la sua maglia verde, ho sentito, chiaro e caldo, l'abbraccio delle Salamelle, e questo è quello che mi resta, quello che conta.

Un maxi ringraziamento a Malo che, con il suo generoso contributo, ha permesso la premiazione della classifica di fine anno. E anche a Key, perchè i traslochi sono utili.

"Un gruppo che condivide un obiettivo comune può raggiungere l'impossibile" (Anonimo)

Frog

domenica 10 ottobre 2021

La via del sale

Qui le foto

29/05/2021 Milano > Varzi

Finalmente, dopo il lungo ed ennesimo lock down, si parte per un large week end. Jo arriva a casa mia ed insieme andiamo a Voghera dove lasciamo la mia auto nel parcheggio della stazione. Giusto il tempo per acquistare i biglietti e saliamo sul bus 151 che termina la corsa proprio nella piazza di Varzi. E' ora di pranzo quindi cerchiamo un posticino adeguato per rifocillarci; scegliamo Jimmiz condividendo un ottimo tagliere di salumi e formaggi. Lasciamo gli zaini alla locanda Le Cicale ed esploriamo la cittadina in lungo e in largo. Adoro i piccoli paesi con gli edifici di pietra, dove la vita scorre realmente slow. Le chiese sono tutte aperte, i balconi con le ringhiere di ghisa si affacciano sulle strade acciottolate, il torrente Straffora scorre tranquillo appena fuori dal paese. La cena alla locanda offre una tagliata, un'orecchia d'elefante, una crostatina e 2 bicchieri di bonarda. Il giro serale è suggestivo ma comincia a piovere, costringendoci al ritorno in albergo, armoniosamente vintage. 

30/05/2021 Varzi > Capanne di Cosola 24km,1885d+, 528d-, 9h

Imperativo è: non sbagliare strada come al solito...promessa da marinarette! Costeggiamo il torrente ma sbagliamo quando dovremmo salire, quindi torniamo indietro aggiungendo subito 2km. Continuiamo il percorso ma, dopo Monforte, davanti ad un bivio, leggiamo delle indicazioni errate e sbagliamo per la 2a volta. Trovare altra gente sullo stesso sentiero errato, non significa aver scelto bene! Dopo questo momento non sbagliamo più ma la fatica è tanta, anche se la natura si offre generosa. Saliamo, saliamo, saliamo ed arriviamo sulla sommità di Monte Chiappo (1700mt). Lo sguardo abbraccia 4 regioni: Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Liguria, nonostante il vento freddo mi sento in pace con il mondo. Ancora 25 min e arriviamo a Capanne di Cosola dove la meritata birretta ci premia della fatica. Abbiamo totalizzato 24km, una fetta di torta di Volpedo dagli avventori dell'area pic nic dove abbiamo sostato per il pranzo, e la soddisfazione di essere arrivate prima di 4 giovani ragazzi.

31/05/2021 Capanne di Cosola > Torriglia 24.7km, 931d+, 1635d-, 10h

Ripartiamo dopo colazione con un cielo grigio e un freddo che invita l'utilizzo di pile e giacca. Il percorso è un piacevole saliscendi dove lo sguardo può spaziare a destra e a sinistra sui verdi pendii, preferisco di gran lunga la giornata odierna a quella di ieri. Quando arriviamo sul monte Antola, la vista a 360° è sublime: i monti, il mare, le valli, il lago del Brugneto. La fauna ci prospetta cerbiatti, farfalle, mucche, topolini di campagna. La discesa finale a Donnetta, su una ripida mulattiera, mette un po' in difficoltà, soprattutto perchè siamo stanche ed affamate. Arriviamo finalmente a Torriglia dove non resistiamo alla birra accompagnata da numerosi stuzzichini. L'abbondante cena all'Albergo della Posta, gestito da 2 adorabili 80enni con figlio, è piuttosto impegnativa per il numero e l'abbondanza delle portate, ma non è possibile deludere persone così affabili e d'altri tempi, con quella gentilezza genuina che non esiste quasi più.

01/06/2021 Torriglia > Uscio 28km, 937d+, 1294d-, 10h

Dopo colazione cerchiamo la Bella di Torriglia e proseguiamo per il sentiero in sali scendi. La difficoltà maggiore è la lunghezza anche perchè, testarde come siamo, vogliamo percorrere tutta la tappa...beh, la nostra insistenza ci punirà: devo interrompere il garmin quasi scarico a circa 27km e, una volta ad Uscio, scopriamo che il nostro B&B Locanda Bellaria è 1km dietro, strada ovviamente in salita. Arriviamo arsiate, la birra viene letteralmente vaporizzata. La doccia calda, una seconda birra fresca, la pizza d'asporto insieme agli altri ospiti in cammino, e la serata scorre veloce tra chiacchiere e risate, in totale relax.

02/06/2021 Uscio > Camogli > Milano 15km, 631d+, 1015d-, 5h

La giornata è grigia ma speriamo che resti solo tale. Dopo una consistente colazione, prendiamo il sentiero sopra la locanda, ricongiungendoci con il sentiero fatto inutilmente ieri. Percorrendo i sali scendi il mare si avvicina, distinguo Sori, Rapallo e, passo dopo passo, raggiungiamo Ruta di Camogli. Qualche incertezza fugata da una signora e, scalino dopo scalino, scendiamo a Camogli. La bolgia è notevole ma riusciamo a pranzare in piazzetta: spaghetti alle vongole e paccheri misto mare, accompagnati da 2 calici di Pigato. Continuiamo la passeggiata togliendoci dalla calca e, davanti al pino superstite, incrociamo Marassi con cui condividiamo chiacchiere e caffè. Considerato il toto biglietti, saliamo sul primo treno utile per Genova P.za Principe, e poi proseguiamo sull'affollato regionale per Milano, scendendo a Voghera. Nonostante abbiamo acquistato i biglietti, non siamo affatto regolari, considerato l'orario ma, fortunatamente, e come avevo supposto, il controllore non passa. Recuperata l'auto si torna a casa.

Abbiamo totalizzato più di 90km, ci siamo divertite molto, siamo state accolte con gentilezza in barba agli stereotipi sui liguri, abbiamo mangiato e bevuto benissimo (io di più). Per i miei gusti la 2a tappa resta la più bella ma, per chi volesse provare, con un po' di preparazione, consiglio vivamente questo cammino.

Frog


domenica 1 agosto 2021

Moena 2020 - Su e giù per i monti

Per le foto qui.

23 agosto 2020 Milano > Moena

Giusto il tempo per asciugare il bucato e rifaccio la valigia per la nuova destinazione: Dolomiti, precisamente Moena. Il viaggio in auto riserva il solito traffico, qualche coda sul Brennero ma, alla fine, si arriva attraversando i paesi dove si affacciano numerosi e pittoreschi alberghi da cui pendono rigogliosi gerani. Giusto un giro nel piccolo centro animato dai molti turisti.

24 agosto 2020 Canazei, 12.5km - 1860d+ 975d-

Dopo una sostanziosa e ricca colazione, prendiamo il bus per Canazei. Scendiamo in centro e chiediamo all'ufficio turistico conferme per il nostro trek. Imbocchiamo il sentiero, arriviamo al rifugio Lupo Bianco e proseguiamo per il rifugio Valentini. Qui saremmo arrivate, dopo aver percorso 7km con 700mt di dislivello, ma perchè fermarsi? Proseguiamo quindi per il Rifugio Salei dove sorseggiamo la meritata birra osservando le marmotte dalla terrazza. Ridiscendiamo quindi verso Canazei da un altro sentiero che si rivela un'unica, impegnativa, discesa. Dopo un giro esplorativo della cittadina riprendiamo il bus per Moena dove una doccia calda, una gustosa cena ed il comodo letto, concludono questa prima giornata.

25 agosto 2020 Passo Pordoi, 8.5km - 1805d+ 1003d- 

La giornata si prospetta soleggiata così, grazie alla Fassa Card, prendiamo i 2 bus per il Passo Pordoi. Al nostro arrivo, la lunga coda per la funivia ci fa desistere, così decidiamo di affrontare la ripida salita che, in poco più di 1km, ci porta al rifugio Forcella. Da qui proseguiamo per il rifugio Capanna Fassa districandoci tra la troppa gente ed un percorso che, in alcuni punti, prevede piccole ferrate. Arrivate a destinazione e riempiti gli occhi di tanta magnificenza, dopo un panino discendiamo verso il rifugio Boè. Torniamo al Forcella e lì, con molti miei dubbi, ridiscendiamo la ripida salita del mattino, ogni passo è una sofferenza per me che detesto le discese. Agogno lo stretching una volta arrivate ma non c'è tempo, il bus è già lì. A causa della coda arriviamo tardi in albergo, velocemente ci prepariamo per la cena che sparisce in un baleno. Dopo una breve passeggiata, svengo a letto, off!

26 agosto 2020 Vigo di Fassa, 17km - 1198d+ 1681d-


Da Vigo prendiamo la funivia in salita Catinaccio Campedie, da dove c'incamminiamo per il rifugio Gardeccia. Proseguiamo per un'impegnativa salita verso il rifugio Vajolet ammirando il notevole panorama tra le 2 montagne. Proseguiamo per il sassoso sentiero fino al rifugio Passo Principe dove pranziamo con un tagliere di salumi e formaggi annaffiato dalle meritate birre. Ci dividiamo: Jo continua per il passo Antermoia mentre io torno indietro in relax scattando foto. Ci ritroviamo presso la funivia e discendiamo a piedi fino a Vigo. Torniamo in albergo per la meritatissima Spa cui segue la sostanziosa ed abbondante cena. Due passi verso il lago e l'ammaliatore Morfeo si palesa.

27 agosto 2020 Campitello di Fassa, 23km - 1562d+ 1550d-

La definizione è: percorso facile ma lungo, così sarà! Da Campitello saliamo in funivia a Col Rodella e c'incamminiamo verso Sasso Lungo, insieme ad un fiume umano. Proseguiamo per un sentiero abbastanza pianeggiante che regala una vista meravigliosa. Dopo il rifugio proseguiamo ancora e la gente si dirada, invece incrociamo cavalli, pecore, mucche il cui campanaccio cadenza il nostro incedere. Questa escursione scala la mia personale graduatoria posizionandosi al primo posto. Raggiungiamo il rif. Molignon e pranziamo con canederli di spinaci al burro e parmigiano, polenta con finferli e, neanche a dirlo, 2 birre. Satolle torniamo per un altro sentiero che discende dolcemente, incrociando degli yak che fanno il pediluvio. Concludiamo il nostro lungo percorso e, dopo cena, abbiamo ancora la forza di passeggiare per Moena dove diversi artisti suonano per strada.

28 agosto 2020 Pozza di Fassa, 13.5km - 864d+ 801d-

Stamattina ci spostiamo in auto per raggiungere la partenza. Imbocchiamo la strada percorsa dalle navette per raggiungere Malga Manzoni, accompagnate dallo scampanio delle mucche al pascolo, saliamo fino al rif. Vallaccia dove ci fermiamo per il pranzo. La mia socia non è in forma ed il cielo minaccia mal tempo, quindi torniamo indietro. La giornata è giusta per un po' di shopping al Fassa Center, dove usciamo con i prodotti tipici da regalare ad amici e parenti. Dopo cena non manca la passeggiata sotto la pioggia.

29 agosto 2020 Lago di Carezza, 18km - 784d+ 598d-

Il lago di Carezza dalle acque turchesi e verdi, circondato da aceri rossi, risplende non appena si affaccia un'occhiata di sole. Partiamo per un trek nel bosco che, sbagliando più volte, si concluderà ad anello. La pioggia ci accompagna dal pomeriggio costringendoci a rientrare in albergo per una spa (un sacrificio). L'ultima cena prevede bresaola con pompelmo e misticanza, canederli, straccetti al formaggio, saker con crema di mirtilli. Ultima passeggiata a Moena sotto una timida pioggia.

30 agosto 2020 Moena > Milano

Si torna a Milano giusto in tempo poichè il maltempo porterà anche qualche danno. Mi avevano detto che le Dolomiti sono le più belle montagne d'Italia. La mia esperienza in merito è basica, avendo scoperto il piacere della montagna negli ultimi mesi. Sicuramente apprezzo maggiormente i paesaggi verdi, con la natura rigogliosa, rispetto a quelli lunari delle alte quote. L'accoglienza merita un 10, oltre che l'organizzazione ed il rispetto per il proprio territorio. Turismo sì ma senza stravolgere l'essenza della propria terra e le proprie radici. Grazie alla mia cuginetta che mi ha fatto superare i miei limiti, oltre ad avermi sempre aspettato quando la discesa mi metteva in crisi. L'importante è non darle da mangiare cavolo cappuccio :-)

Frog

venerdì 30 luglio 2021

E' stato bello

 



Stasera ho partecipato insieme ad altre Salamelle (Annalisa, Frog, Lidio, Rita e Veró, rigorosamente in ordine alfabetico..) alla Bufalora Volt e Bas.

Che bella sensazione ritrovarsi per una corsa, il pettorale, certo, c’è anche un certo “sbatti” dovuto alle (giuste) procedure, la certificazione da consegnare per avere il “pass” per accedere alla partenza, la mascherina da indossare… ma poi… entri in pista, sei lì, la musica “a palla”, rivedi tante persone che non vedevi più da tempo, chi in perfetta forma, chi (io in primis) “meno”… e poi, VIA.. si parte…

Passa il primo chilometro (5.40), una vocina nella testa ti dice “stai andando troppo forte, la pagherai.. “, ma non importa, arriva la prima salita, la “voli” via..

Secondo chilometro (6.05), e poi… il resto meglio lasciarlo stare, diciamo che il caldo e la forma scarsa di cui sopra presentano il conto.. tanto che sull’ultima salita prima del traguardo mi sembra di vedere pure… UN’EMÚ..??

Poi mi confermeranno che non si era trattata di un’allucinazione da sforzo, che veramente c’era un’emú lungo la salita (??)…

E poi, finalmente, il traguardo…

È stato bellissimo arrivare, anche il gesto di un “vaffa..” liberatorio al tagliare l’arrivo, un gesto dovuto, in cui c’erano tutti i giorni passati senza tutto questo, senza poter correre (prima per il problema al tallone, poi per tutto quello che è successo..), poi passati a ricominciare a correre da solo, a chiedersi “perché?... ne vale la pena?”, c'erano anche i chili “presi” e non ancora “persi” del tutto (ma questa è un’altra promessa..)

Non nascondo che alcune volte il pensiero di smettere, di piantarla lì, mi è stato molto vicino ma dopo stasera sono sicuro che non tornerà più, né sono certo…

Quindi, se mi dovessero chiedere: “è stato bello ieri sera? “, la risposta può essere solo una: “NO, DI PIÙ”…

Buonanotte Salamelle

Claudiokey

mercoledì 26 maggio 2021

Il dramma del Mottarone

Domenica 23 Maggio 2021, ci troviamo con le mie cugine, Jo e Simo, all'Esselunga di Borgo Ticino per lasciare un auto e proseguire con la mia, destinazione Someraro, da dove partirà il nostro trekking per raggiungere la cima del Mottarone. La giornata è splendida, finalmente il sole ha scacciato le nuvole che fino a ieri hanno oscurato il cielo. Cominciamo il percorso con una ripida salita che offre una vista impagabile sul lago Maggiore. Proseguiamo fino alla stazione della funivia Alpino dove, con il naso all'insù, vediamo passare le cabine rosse e bianche. Qualche anno fa ero stipata in una di quelle cabine con Bradipo, Caz, Anna e Kelly con un calzino attorno al muso a mò di museruola, eravamo scesi dalla cima dopo una salita a piedi di tutto rispetto da Baveno. Con le cugine proseguiamo il cammino sullo sterrato, ci addentriamo nel bosco con i suoi maestosi alberi, inspirando l'aria buona di montagna. Continuiamo fino ad un'area di sosta attrezzata con il Bar della Stazione, anni fa da qui partiva il trenino a cremagliera che è stato sostituito dalla funivia. Ci manca un'ora alla vetta, con una massicciata la cui pendenza si mostra impegnativa. Sostiamo per spiluccare qualcosa e dissetarci, sto osservando il panorama dalla balconata quando sentiamo un tonfo, un rumore sordo. Non penso a nulla di chè, rimettiamo gli zaini in spalla e ci apprestiamo all'ultimo sforzo. Prendo distanza dalla cugine, sento l'elisoccorso e lo vedo sopra le nostre teste, penso che qualcuno è stato male o si è fatto male, ma continuo la salita. Incrocio una signora con un cane, è a bordo sentiero sotto un albero, ha una faccia strana, stravolta, la imputo alla fatica, abbasso lo sguardo sul cane che saluto e continuo a camminare. L'elisoccorso continua a girare, penso che non riuscirà mai ad atterrare con tutte quelle piante, continuo e incontro un cavo che devo scavalcare, lì per lì resto perplessa, guardo in alto e vedo i 2 cavi della funivia, scavalco il cavo e penso qualche insulto a chi ha avuto l'idea di mettere lì quel cavo, non mi affaccio dal sentiero, non mi passa neanche per l'anticamera del cervello che quel cavo è della funivia e che, probabilmente, appena oltre il ciglio, vedrei tutto il dramma che si è consumato. L'elisoccorso continua a girare. Anche altri camminatori sono perplessi, continuo e incrocio un secondo cavo, alzo lo sguardo, vedo sulla mia destra la stazione di arrivo della funivia, un ragazzo sta scendendo dal sentiero che sto salendo, ci guardiamo in faccia e lì mi esce un "Non sarà mica venuta giù la funivia?", lui "Mi sa..." e prosegue. Scavalco il secondo cavo e continuo, vedo scendere di corsa un giovane carabiniere giù dal sentiero, dopo un po', dietro di lui, i vigili del fuoco, mentre mi sorpassano dicono "8 morti, 3 feriti" e lì mi si gela il sangue. Mi fermo, guardo dietro, le mie cugine sono ancora lontane, afferro il cellulare e provo a chiamare senza successo mia madre, chiamo mia cugina che abita momentaneamente a Stresa, dopo un paio di tentativi riusciamo a parlarci, le dico cos'è successo, mi dice che continuano a passare mezzi con sirena davanti a casa sua. Devo passare da lei prima di tornare a casa ma le spiego che non so ora come faremo, metto giù e mi raggiungono Jo e Simo, siamo incredule, stranite, timorose. Mi dicono di aver parlato con la stessa signora col cane che ho incrociato che ha raccontato di essersi vista passare la cabina davanti a tutta velocità, ecco perchè aveva quella faccia. Scendono altri carabinieri e vigili con le lettighe, una donna carabiniere ci spiega, con una calma irreale, che non possiamo ridiscendere il sentiero ma dobbiamo proseguire fino alla cima e tornare dalla strada, così facciamo. Quando arriviamo in vetta ci sono carabinieri, ambulanze, pompieri, forestale, soccorso alpino, protezione civile. Inutile provare a chiamare le famiglie, i cellulari non prendono, mando un vocale a mia sorella che avvisi la mamma ed un vocale alle Ambro's Angels che sapevano dove sarei andata, così fanno anche le cugine. Cosa facciamo? E' l'una passata, decidiamo di salire sul prato, mangiare qualcosa e poi approntare subito la discesa, ho lo stomaco chiuso ma, con mio stupore, divoro il panino: fame nervosa. Dalla cima osserviamo almeno 2 elicotteri che continuano a muoversi ma che riescono anche ad atterrare, una marea di gente non so quanto consapevole fa riprese, loro sono venuti su in auto o moto. Cominciamo la discesa dalla strada, hanno bloccato le auto quindi non rischiamo di essere investite ma la strada è lunga. Ad un certo punto imbocchiamo un altro sentiero che speriamo possa condurci per la via del ritorno, ma si perde nel bosco, quindi torniamo indietro e riprendiamo la strada. Ricevo il messaggio di Betty e, paradossalmente, di Caz che mi gira l'articolo della tragedia, mentre lo sto vivendo in diretta, la conta sale a 14 vittime e un ferito grave. Arriviamo al Bar della Stazione oramai chiuso e da lì, riprendiamo il sentiero. Incrociamo ancora i cavi adagiati sui rami, ci voltiamo e lì, molto lontano, notiamo il groviglio rosso. Ritroviamo un'ultima volta i cavi nel tratto finale, quasi alla stazione Alpino. Lì penzola inerme un vagone, mentre sui cavi che tagliano il sentiero carrabile, sono stati messi 2 indumenti per renderli visibili. Una giornalista di Repubblica ci intervista in quel punto, più avanti incrociamo una troupe di Mediaset ma siamo stanche e non c'è molto da dire, il cameramen aveva già imbracciato la telecamera, chissà se è lo stesso che il giorno dopo è stato stroncato da un infarto. Leggiamo da internet l'aggiornamento e ancora non riusciamo a realizzare completamente. Anche Marassi sapeva dov'ero e mi ha cercata, ma il cellulare ha avuto bisogno di un riavvio. Al bar dove ci fermiamo parlano, chiaramente, solo di questo, continuo a pensare che c'è sempre il cavo ed il freno d'emergenza, non riesco a capire, non riesco a dare un motivo a questa bella giornata trasformata in tragedia. Continuiamo a dirci "Pensa se non ci fossimo fermate", "Pensa se mi fossi affacciata", "Pensa...". Una giornata irreale che resterà scolpita nei nostri cuori e nella nostra memoria. La mia preghiera va al piccolo Eitan, unico sopravvissuto di soli 5 anni.

Un plauso ai soccorritori, mai ho visto una tale spiegamento in così breve tempo.

Frog

venerdì 2 aprile 2021

Convocazione assemblea annuale soci - 2021

  Avviso per tutti gli iscritti all'ASD Le Salamelle AVIS Abbiategrasso:


L'assemblea annuale dei soci avra' luogo il giorno 22 aprile 2021 alle ore 12 presso la sede di via Sabotino 35 in prima convocazione e in seconda convocazione 

VENERDI 23 APRILE 2021 ALLE ORE 21.00

online, attraverso la piattaforma Zoom.



mercoledì 31 marzo 2021

Sogni primaverili

Sono in auto e mi ritrovo in mezzo ad un’orda di podisti, riconosco molte maglie delle società della nostra zona ma non vedo Salamelle. Saluto dal finestrino alcuni soci del VTV che mi dicono che c’è finalmente una tapasciata. Parcheggio la macchina, sebbene sono in jeans ma con le scarpe da running, e cerco di seguire i podisti scatenati che sono già partiti. Ci sono anche i podisti dell’Atletica Peralto di Genova e mi aggancio proprio a 2 di loro, salvo scoprire che stanno correndo per i fatti loro. Li abbandono cercando di rimettermi sul percorso, ma non ci sono indicazioni, penso “ecco, i soliti incapaci che organizzano corse!”. Arrivo al traguardo prima di tutti perché ho sbagliato percorso, quindi proseguo a ritroso fino a quando non incontro i primi podisti che arrivano in senso opposto. Aspetto che ne passino un po’ e mi accodo, mi viene in mente la maratona del riso, fatta qualche anno fa, con Cla e Bomber, quando siamo partiti dal 15esimo km. Arrivo al traguardo avendo totalizzato circa 8km su 10 previsti. Tra la mischia della partenza, senza mascherine né distanziamento, avevo intravisto Edo dei Wisky, mi posiziono su un punto panoramico e lo vedo arrivare, è l’ultimo, insieme a 2 adolescenti casinisti con cui ride e scherza, gli urlo un incitamento e lui mi saluta con la mano. Ho un sorriso da orecchio ad orecchio ed una sensazione di benessere, nonostante i jeans completamente zuppi di sudore, e mi sveglio…

Frog

giovedì 25 febbraio 2021

Abruzzo 2020 - Ciak si gira


Per tutte le foto clikka

7/8/2020 Bologna > Monte Reale

Francamente non pensavo di passare l'estate del 2020 in Italia ma, la vita è imprevedibile quindi, dopo un lungo lock down, con Eva pianifichiamo minuziosamente il giro dell'Abruzzo, regione per me totalmente sconosciuta, mentre per lei i ricordi si perdono nella memoria di bambina. Come da programma usciamo di buon ora da casa sua, riusciamo a stipare tutti i bagagli nella mia piccola 206 e, dopo una gustosa colazione in pasticceria, imbocchiamo l'autostrada fortunatamente destreggiandoci in un traffico regolare. Arriviamo ad Ascoli Piceno che ci accoglie con le sue belle piazze, le Chiese con le facciate in travertino e le famose olive che introducono il nostro pranzo. Proseguiamo arrivando ad Amatrice che invece presenta cumuli e cumuli di macerie, passiamo il check point e parcheggiamo. Non riusciamo ad orientarci, non c'è più nulla o, quello che c'è, è fortemente compromesso. Osservo una fotografia affissa ad una fermata dell'autobus, sperando di riconoscere qualcosa, ma è impossibile, ci si sente talmente inadeguati. Continuo a pensare a casa mia, a come mi sentirei se perdessi tutto in pochi secondi, la casa comprata con tanti sacrifici, piena dei miei ricordi, delle mie cose, di me. Allontano il pensiero che fa stare tanto male. Le foto, i video, non possono descrivere la sensazione di assoluta impotenza davanti alla forza distruttrice della natura. Ed ecco lì un bimbo che, con la sua innocente curiosità ci chiede chi siamo, da dove veniamo, e che vorrebbe regalarci un uovo anzi un ovo. La sua voce squillante è quella di qualsiasi bambino, ma lui vive in un paese fantasma che, oltre al terremoto, affronta anche il covid. Fino a quanto una persona può sopportare? Per qualcuno l'eroe è quello che chiude la maratona in un tempo x, che calcia x palloni in rete, che guadagna x soldi, che compra la x auto figa, ... Illusioni, gli eroi sono quelli che ricevono pugni in faccia dalla vita e si rialzano, e questa è per me la grande verità di questo tempo, di questo assurdo ma reale 2020.

Ripartiamo per la destinazione finale di questa giornata, Monte Reale, che visitiamo al tramonto mentre la slow life scorre per le sue strade, e andiamo a cena dove non possono mancare arrosticini e Montepulciano, però decisamente esagero con il quantitativo di spiedini (ben 19).

8/8/2020 Monte Reale > Lago di Campotosto > Paganica > L'Aquila

Dopo una colazione auto-gestita a causa del covid (ogni B&B gestirà a modo suo), partiamo per il lago di Campotosto, il 2o lago artificiale d'Europa. Un leggero mal di testa mi perseguita e a questo segue la nausea. Mentre guido in silenzio, Eva parla, quando arriviamo alla partenza del trek rimetto anche l'anima, ma ciò è un bene, perchè mi sento immediatamente meglio. Ovviamente l'amica non manca etichettandomi con "Alla sera leoni e al mattino ...". 😅 Saliamo dolcemente la montagna seguendo il percorso stabilito ma, dopo il Coppo, ci perdiamo più e più volte. Vorremmo raggiungere la cima avanti a noi ma il forte vento ci costringe a fermarci. Mentre riposiamo un po' decidendo il da farsi, siamo circondate da un gregge di pecore che ci osservano curiose e che probabilmente, ci vorrebbero brucare un po'. Alle nostre spalle il pastore ci saluta, quindi chiediamo a lui delle indicazioni ma ci risponde che non conosce il luogo! Ci guardiamo in faccia perplesse ma non commentiamo, quindi ridiscendiamo, sbagliando nuovamente il sentiero. Quando finalmente raggiungiamo la strada asfaltata, scopriamo di essere a circa 3 km dall'auto che raggiungiamo a piedi nonostante Eva tenti l'autostop. Ripartiamo quindi per il nostro B&B a Paganica, old style, poco covid free, e la cui proprietaria è alquanto svampita. Giusto una doccia corroborante e ci spostiamo all'Aquila, visitando la Fontana delle 99 cannelle ed il Duomo. Ceniamo in una via laterale con crostone di burrata e cicoria, e gnocchetti alla amatriciana.

9/8/2020 Paganica > Campo Imperatore > L'Aquila

Eva non è stata bene durante la notte ma partiamo comunque per la funivia che ci porta a Campo Imperatore, dove soffia un vento patagonico. Campo Imperatore è un vasto altopiano, di origine glaciale e carsico-alluvionale, situato a circa 1800mt di quota, nel cuore del massiccio del Gran Sasso d'Italia e del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Mentre Eva scende fino al Cerreto, io salgo al rifugio Garibaldi e da lì, lungo il crinale, completo un percorso ad anello: il paesaggio è davvero straordinario ed il tratto che ho scelto non è molto battuto dalle persone. Ridiscendo in funivia raggiungendo l'amica con cui, dopo aver assistito ad una difficile manovra di parcheggio dove sicuramente hanno bruciato i freni, pranzo con un ottimo panino con verdure grigliate e scamorza. Torniamo all'Aquila per visitare S.ta Maria di Collemaggio e San Bernardino. Vaghiamo per le vie deserte, tra ricostruzione e pareti puntellate. Anche qui il terremoto è ancora vivo e ben presente. Sebbene molti edifici siano stati ristrutturati, è un susseguirsi di vendesi e affittasi, l'Aquila è una città fantasma. Si torna a Paganica dove ceniamo in pizzeria e, dopo un breve giro serale, si persegue Morfeo.

10/8/2020 Paganica > Campo Imperatore > Castel del Monte

Dopo un comico disguido per la colazione (la svampita ha colpito ancora), ripartiamo percorrendo una strada che riempie gli occhi ed il cuore di meraviglia. La zona è stata spesso scenario d'eccezione per spot pubblicitari (non ultimo quello della Ferrari) e film, tra cui si ricordano ...continuavano a chiamarlo Trinità, Il deserto dei Tartari e Così è la vita. Arriviamo in un punto che crediamo essere la partenza del trek odierno, invece è un altro, comunque salgo fino ad un punto panoramico mentre Eva, dopo un po', ridiscende. Le mando il filmato dal punto in cui sono e desisto nel salire ancora per non lasciarla troppo sola, quindi ridiscendo velocemente; non crede ai suoi occhi quando mi vede arrivare di corsa. Ci mettiamo a caccia del famoso Canyon dello Scoppaturo dove hanno girato diverse scene del film ...continuavano a chiamarlo Trinità, e cercando l'angolo della famosa scena della pentola di fagioli. Il canyon è davvero affascinante, percorriamo circa 7km del sentiero in ogni direzione e torniamo all'auto. Proseguiamo quindi per Castel del Monte che visitiamo. Il borgo medioevale, annoverato tra i più belli d'Italia, è in ricostruzione post sisma. Ci sono così tanti cartelli 'vendesi' che vien tristezza nonostante i bei viottoli dove si affacciano molte case ricostruite. Dopo una crema di caffè al bar osservando vecchietti di altri tempi, proseguiamo per il B&B gestito da un inquietante ragazzo, a me viene in mente immediatamente Psyco. Andiamo a cena in un agriturismo consigliato da lui, dove ordiniamo gnocchi ceci e zafferano, fettuccine zafferano ricotta pancetta e noci, salsiccia al Montepulciano, spinaci saltati e patate fritte. Tutto squisito, anche il liquore di genziana, nonostante il retrogusto amaro.

11/8/2020 Castel del Monte > Rocca Calascio > Santo Stefano di Sessanio > Grotte di Stiffe

Stamattina visita al castello medioevale di Rocca Calascio, con i suoi 1500mt è tra i più elevati d'Italia, set del film Ladyhawke, Il nome della rosa, The American, sospeso sul fianco della collina che assicura fascino e bellezza. Dopo la rocca si visita l'abitato, con tutte le chiese chiuse e molti 'vendesi'. Si prosegue poi per il borgo medioevale di S.to Stefano di Sessanio, ben tenuto, con soli 120 abitanti, negozietti, punti di ristoro e, soprattutto, l'albergo diffuso. Peccato la torre sia ancora impacchettata per i lavori post sisma. Mentre visitiamo S.ta Maria del Lago, si scatena un temporale che rinforza man mano ci avviciniamo, in auto, alle Grotte di Stiffe, tanto da costringerci ad una sosta in un parcheggio. Le grotte, con un percorso di 700mt, si dividono in numerose sale dove scorre impetuosa l'acqua, per questa ragione sono le uniche grotte attive in Italia.

12/8/2020 Castel del Monte > Fiume Tirino > Eremo di San Bartolomeo > Sulmona

Si parte dal b&b in direzione del fiume Tirino, considerato il più limpido d'Europa, per l'escursione in canoa. I giovani ragazzi che gestiscono il centro del Bosso, con passione e professionalità, stanno tentando di recuperare il territorio dopo anni di sfruttamento dovuto all'industrializzazione selvaggia prima, e all'abbandono poi. E' piacevolissimo remare salutati dalle fronde degli alberi, provo anche a bagnarmi nell'acqua che è freddissima. Seguendo il suggerimento della nostra accompagnatrice, neo-diplomata, pranziamo poco distante con la specialità della zona: chitarrine ai gamberi di fiume (curioso il non poter ordinare prima delle 12:30). Proseguiamo quindi per l'Eremo di San Bartolomeo che raggiungiamo attraversando il canyon, dopo il cammino nella valle Giumentina. La costruzione è perfettamente mimetizzata nella roccia bicolore; casualmente abbiamo scelto un punto di vista privilegiato, oltre che un percorso in ombra per raggiungerlo, a differenza di tutti gli altri visitatori. Cerchiamo e troviamo la sorgente miracolosa, con la cui acqua ci bagniamo, meglio approfittare! Ripresa l'auto impieghiamo una abbondante ora per arrivare a Sulmona (la città dei confetti). Il b&b in centro è carino e confortevole, sebbene la ripida scala per arrivare al 2o piano con i bagagli, non sia di facile approccio. A cena optiamo per un'osteria che prepara pochi piatti, quindi ordiniamo la pizza, proseguiamo poi alla scoperta del centro storico ricco di fascino e di scorci.

13/8/2020 Sulmona > Gole di Celano > Castello Piccolomini > Pacentro > Sulmona

Dopo la colazione al bar pasticceria convenzionato, partiamo per le Gole di Celano, ammirando il paesaggio lungo il percorso dal finestrino. Imboccata, dopo qualche tentativo, la via giusta, partiamo per il trekking, I caschetti alla mano vengono prontamente indossati prima di addentrarsi tra le imponenti spaccature nella roccia. Le pareti si avvicinano tra loro via via che proseguiamo, con un'altezza che mette soggezione. Arrampicandoci sui massi continuiamo fino a raggiungere la fonte degli innamorati, dove una fresca pioviggina, cade da un masso. Dopo il pranzo al sacco, torniamo indietro per visitare l'imponente Castello Piccolomini, felice sintesi di elementi medioevali e rinascimentali. Proseguiamo per Pacentro percorrendo qualche google strada assurda. Il piccolo borgo mi ricorda il paese natale dei miei genitori con le strade lastricate in pietra, le facciate delle case, le strettoie ed i balconcini. Dopo aver esplorato anche il castello, torniamo a Sulmona per la cena ma non abbiamo prenotato, al 3o tentativo dividiamo una grigliata di carne, cicoria, vino rosato, Montepulciano e, in ultimo, la genziana.

14/8/2020 Sulmona > Valle del Sagittario > San Domenico > Scanno

Finalmente giriamo la città di Sulmona con la luce, scattando qualche foto. La maggior parte delle chiese sono chiuse, così come i negozi che aprono con calma. Alla fine del ns pellegrinare, entriamo nell'Antica Fabbrica di Confetti Raponi: la ragazza, 3a generazione, ce ne fa degustare diversi, uno più buono dell'altro, alla fine compro una scatola mix che mi porterò sempre dietro nello zaino per non fargli prendere il caldo con cui si rovinerebbero. Dopo aver assistito al tentativo di abbattimento della statua di Ovidio da parte di una bancarella/camion, partiamo per San Domenico attraversando la valle del Sagittario, una meraviglia per gli occhi ma un percorso impegnativo per la guida. Arriviamo a Vicolungo dove iniziamo il trekking in direzione dell'eremo, affacciato sull'omonimo lago artificiale dai colori brillanti. Sulla riva pranziamo con il panino di prodotti tipici, acquistato in una piccola bottega di Sulmona, e torniamo indietro soffermandoci a bighellonare per le strade del borgo. Dirigiamo per il lago di Scanno, affollato e circumnavigabile grazie ad una strada a senso unico. A piedi percorriamo il Sentiero del Cuore che ci conduce nel punto panoramico dove, per un'illusione ottica, il lago sembra appunto, a forma di cuore. Ridiscendiamo proseguendo in auto per Scanno; la bolgia è notevole, parcheggiare non è semplice ed i vicoli del borgo sono percorsi da fiumi di persone, tant'è che i più indossano la mascherina. Dopo l'aperitivo e un paio di tentativi per uscire dal borgo in direzione agriturismo, finalmente vi arriviamo e la pace regna sovrana, siamo in mezzo al nulla. A cena maltagliati con patate e pancetta, formaggio al tartufo con patate al forno, torta al cioccolato e ricotta. Nella notte buia e dall'aria frizzante, osserviamo le stelle con il naso all'insù.

15/8/2020 Scanno > Barrea > Castel di Sangro > Pescocostanzo

Buon ferragosto! Mentre i messaggi si susseguono sul cellulare, ripartiamo per Barrea incontrando parecchio movimento per strada. Riusciamo a parcheggiare per visitare il borgo che si affaccia sull'omonimo lago artificiale. Estremamente interessante la visita al museo per 1€, comprensiva anche dell'accesso al castello e alla casa dei pipistrelli. Dopo aver acquistato della focaccia, dirigiamo per Castel di Sangro, nella speranza di trovare un posticino per fermarci a pranzare. Alla fine ci sediamo su una panchina nei giardini pubblici e, dopo un caffè shakerato, esploriamo il borgo silenzioso; tutti stanno pranzando. Muoviamo quindi per Pescocostanzo, un bel borgo montuoso a 1400 metri, con palazzi antichi ben tenuti e una profusione di gerani alle finestre. Arriviamo quindi all'ostello quando non c'è nessuno, quindi beviamo un aperitivo nel bar di fianco e, quando arriva la ragazza, scopriamo di essere le sole ospiti. Abbiamo una stanza da 7 posti letto tutta per noi, per essere precisi abbiamo tutto l'ostello solo per noi! Ceniamo nella stessa trattoria/bar dell'aperitivo, con chitarrina ai porcini, bistecca e cicoria. I gestori sono decisamente negati, sarebbero un fertile terreno per gli scapaccioni di Cannavacciulo. A fine pasto andiamo in mezzo al piazzale del parcheggio per inviare gli ultimi messaggi: è l'unico punto in cui il cellulare prende. Nel dubbio mettiamo dietro la ns porta senza chiave, una sedia e le 2 valigie: se qualcuno tenta di entrare lo possiamo sentire. Sole solette, in mezzo al quasi nulla, riemergono alla memoria tutti i film dell'orrore. Sperem!

16/8/2020 Pescocostanzo > Bosco S. Antonio > Palena > Eremo Madonna dell'Altare > Roccascalegna

Tutto tranquillo! Dopo colazione andiamo al Bosco di San Antonio, una delle più belle Faggete d'Abruzzo. Protetto come riserva naturale dal 1985, il bosco oltre ai faggi, custodisce nei suoi 550 ettari numerose piante secolari, aceri, periselvatici, tassi, cerri e ciliegi. Percorrendo un trek di poco più di 2 ore verso il Colle Brignole, arriviamo fino alla cima, dove si scorge Sulmona. Quando ridiscendiamo, torniamo all'ostello per salire, di straforo, sulla Transiberiana abruzzese, ovvero un treno in legno degli anni 50. Percorriamo il tratto di strada che ci porta alla stazione successiva viaggiando con il capotreno e l'organizzatore dell'esperienza: la ragazza dell'ostello voleva farci 'assaggiare' questa chicca, ed è così gentile da venirci a prendere con l'auto per riportarci alla partenza. Dirigiamo quindi per Palena, situato ai piedi della Majella, che francamente mostra molto meno delle entusiasmanti indicazioni che avevo trovato. Torniamo quindi un po' indietro per visitare, in meno di un'ora, l'Eremo della Madonna dell'Altare, che ci siamo perse percorrendo la strada. Proseguiamo quindi per Roccascalegna, imboccando, subito dopo Palena, una bella strada panoramica. Mentre ci approssimiamo al borgo scattiamo diverse foto del castello, con la sua posizione predominante in cima ad una sporgenza rocciosa. Il castello risalente al XI sec. è famoso per l’antica legenda sull’applicazione del “Ius primae noctis” secondo la quale il barone del castello obbligava tutte le donne del paese a passare la prima notte di nozze con lui anziché con il consorte appena sposato. Davanti alla biglietteria noto questo gigante dalle fattezze conosciute, è Gianfranco dell'Ortica, che mi stritola nel tradizionale abbraccio, alla faccia del distanziamento. Mentre aspettiamo di entrare per la visita guidata, tra le numerose facce individuo una ragazza che sono sicura di conoscere, troppo tardi mi si accenderà la lampadina, probabilmente era Helga, conosciuta nel viaggio in Malawi-Zambia; piccola l'Italia! La visita al castello è condotta dai ragazzi della proloco, un gruppo di giovani che promuove il territorio, e questa è una gran bella cosa. Dopo la doccia al b&b torniamo sotto le mura della rocca per la cena: pallottole cacio e ova, maltagliati con pomodoro fresco, misto di carne con pomodori, tutto, come sempre, spazzolato a dovere.

17/8/2020 Roccascalegna > Gole di Fara San Martino > Belvedere Balzolo > Guardiagrele

Il nostro programma odierno ci porta a percorrere un trek nelle gole di Fara San Martino, dove troviamo anche i resti dell'omonimo Eremo, davanti al quale incontriamo una famiglia i cui bambini mi fanno un interrogatorio 😂 Proseguiamo fino alla Sorgente, fermandoci per un breve ristoro e tornando indietro per la stessa via, ci accompagna Paola, amica di Eva. A poca distanza ci sono gli stabilimenti della De Cecco e della Dal Verde, ma dubitiamo che ci diano da mangiare se suonassimo i loro campanelli, così optiamo per un ottimo panino con lonza e pecorino. Lasciamo Paola e proseguiamo quindi per il belvedere di Balzolo, dov'è previsto un altro trek ma qui, poco dopo la partenza, Eva mi da la sua benedizione e decide di tornare indietro, mentre io proseguo nell'impegnativo tratto a strapiombo. Arrivo, dopo circa 1h di cammino sostenuto, al rifugio Pescassoli. Sono sola con davanti a me la natura della valle dell'Aventino, lo sguardo arriva fino al mare. Riesco a scorgere il punto da cui son partita, così mando un vocale alla mia amica per avvisarla che sono viva e che sto tornando. Imbocco un sentiero diverso per una 15ina di minuti senza però trovare alcuna indicazione che mi confermi la correttezza delle informazioni stampate, così torno indietro da dove sono arrivata, cercando di accelerare per non far aspettare troppo Eva. Raggiunta la meta mi disseto con una lemonsoda e ripartiamo per Guardiagrele. Il b&b è accogliente, così come il padre della proprietaria. Dopo una corroborante doccia andiamo a cena, scovando la macelleria, il servizio lascia sempre un po' a desiderare ma, ancora una volta, ceniamo benissimo e concludiamo la serata chiacchierando, fino a chiusura, con i vicini di tavolo, di viaggi passati e futuri. Beh, diciamo che abbiamo ridimensionato il loro ego.

18/8/2020 Guardiagrele > Lanciano > Fossacesia > Ortona

Dopo una strepitosa colazione con un cornetto alla crema di tutto rispetto, passeggiamo per i vicoli del borgo: dalla balconata la vista si allunga fino al mare, i palazzi si susseguono come le Chiese e pian piano aprono le botteghe artigiane. Ovviamente dobbiamo assaggiare le sise delle monache, ovvero paste fresche di pan di spagna farcite di crema e cosparse di zucchero a velo. Lasciamo Guardiagrele per andare a Lanciano, dove visitiamo il centro i cui edifici sono in larga parte costruiti con mattoni rossi. Il Miracolo Eucaristico è sicuramente suggestivo, i devoti s'inginocchiano e pregano con fervore, anche se, francamente, il non indossare la mascherina in un luogo chiuso dov'è obbligatoria, non li rende immuni dal prendersi il virus e soprattutto dal diffonderlo. Pranziamo con frutta e gelato nel quartiere Fiera, tra palazzi Liberty e Decò, ripartendo subito dopo il caffè, per Fossacesia. L'Abbazia di San Giovanni in Venere, oltre ad essere estremamente interessante, nonostante i lavori di restauro, gode di una vista panoramica, che si estende per diversi km sul mare. Riprendiamo l'auto per raggiungere, non senza qualche difficoltà di parcheggio, Punta Cavalluccio. Percorriamo qualche km della pista ciclo-pedonale, una volta ferrovia, osservando la costa dove si affacciano i famosi trabocchi, che si presentano così come li ricordavo, con quel affaccio sull'acqua turchese che li ospita. Torniamo all'auto per raggiungere il b&b e, dopo una doccia, andiamo ad Ortona. Attraversiamo C.so Vittorio Emanuele e, percorrendo la passeggiata mare, con i cestini dei rifiuti agghindati di lavori all'uncinetto, arriviamo all'affascinante castello-fortezza Aragonese, che visitiamo. Ci concediamo quindi un aperitivo al tramonto sul mare e ceniamo finalmente con pesce: tagliatelle verdi al tonno, ricciola e cozze e ricciola con insalata. Domani, finalmente, ci spiaggeremo.

19/8/2020 Ortona > Francavilla > Città Sant'Angelo > Montesilvano

Dopo colazione scendiamo verso il mare per poi risalire la costa. Ci fermiamo a Francavilla dove piantiamo il nostro ombrellone nella sabbia. Passeggio lungo il bagnasciuga fino al nuovo molo turistico per poi tornare indietro. Siamo raggiunte da Paola e Giulio, suo figlio, e trascorriamo con loro il resto della giornata in relax, pranzando con una frittura di pesce. Nel tardo pomeriggio riprendiamo l'auto per raggiungere in ns B&B, nell'altra corsia una lunga coda di auto scorre lentamente, scopriremo poi che un incidente nella galleria dell'autostrada, ha fatto sì che quest'ultima venisse chiusa, ed il traffico incanalato sulla statale. Ceniamo a Montesilvano condividendo un antipasto di pesce crudo, freddo e caldo e 2 primi, tutto molto buono. Si conclude la serata con una passeggiata in riva al mare e la mascherina super alzata: c'è troppa gente e molti senza mascherina.

20/8/2020 Città Sant'Angelo > Pineto > Castel Sant'Angelo

Ultimo giorno di mare a Pineto, in una delle spiagge più belle dell'Abruzzo, Torre di Cerreto. Raggiungiamo la spiaggia rosata attraversando la pineta dove le cicale friniscono all'impazzata, zittite talvolta dal passaggio del treno. La giornata scorre in relax finendo di leggere, in soli 2 giorni, il libro del mio amico Stefano. Prima di andar via assistiamo al fuggi-fuggi dei nostri giovani "vicini" di ombrellone: un loro amico, con cui hanno condiviso una canna il giorno prima, è risultato positivo. L'affermazione top è: "E adesso come faccio a dirlo ai miei", mi mordo la lingua per non rispondere. Ultima cena a Castel Sant'Angelo, degustando un tripudio di soli antipasti crudi, freddi e caldi. Il ristorante è di un certo livello ed i piatti sono preparati e serviti con grande cura, ovviamente il conto è proporzionato ma è l'unica sera dove abbiamo speso più della media di 20€ a persona, e ne valeva decisamente la pena. Accanto al nostro tavolo una riunione di famiglia davvero molto folcloristica, tra l'abbigliamento e l'atteggiamento non so cosa è peggio, le facce dei camerieri dovrebbero rimanere impassibili, ma, ad un occhio attento, non sfugge l'ironia dello sguardo.

21/8/2020 Città Sant'Angelo > Bologna > Milano

Si torna a casa lasciando questa bella terra che ci ha ospitato. Certamente i gestori di b&b e ristoranti, non sono così smaliziati e pronti nella gestione del turista, ma sicuramente sono genuini e gentili. Consiglio senza remore un giro in questa regione: c'è tantissimo da vedere, fare, gustare. Mi sovviene sorridendo "Acqua liscia o frizzante?" oppure "Vino rosso, bianco o rosato?" 😊

2300 km di bellezza, provare per credere.

Frog