giovedì 20 dicembre 2018

Auguri salamellici o salamellosi

Dalla consueta festa di dicembre, che le foto ben documentano, giorno dopo giorno ci si avvicina ad appuntamenti importanti; Natale, un nuovo anno, la decima edizione della Salamellando...
Però mi sento di ricordare questo 2018 che volge al termine, quante cose sono successe dall'esplosivo capodanno napoletano condiviso con gli amici viaggiatori:

  • chi ha fatto un dono tanto grande 
  • chi ha affrontato la sua prima maratona e tra questi chi l'ha chiusa con caparbietà ed orgoglio, e chi l'ha coraggiosamente interrotta
  • chi ci mette il cuore e chi la spalla
  • chi fa una bella tripletta ma prende un'altro schiaffo dalla vita
  • chi si prodiga per le Salamelle, il lavoro, la famiglia, gli amici, e non è capace a dire no,
  • chi torna a volare sui 21 fuori nazione
  • chi rifiuta i premi per una sorta di auto-punizione, ma viene a camminare per la ns gioia
  • chi aspetta tempi migliori anche se sembra che non arrivino mai, ma ha fiducia e testardaggine
  • chi colleziona kg su kg, aspettando le serali
  • chi coglie l'essenza stessa del gruppo, ovvero quella della famiglia allargata; che si corra o si cammini, è un dettaglio
  • chi proprio non ce la fa a iscriversi per tempo e a leggere le mail
  • chi ha percorso km e km cercando di adeguarsi al mio passo, nonostante la gamba di legno
  • chi non può essere salamella, ma infondo lo è
  • chi regala un anello alla mamma e chi rinuncia ad un fantastico affetta banane per far contenta una piccola salamella
  • chi mi chiede quando apriamo la sessione bike
E potrei andare ancora avanti, ma il tempo fugge e non conosco i retroscena di tutti e di tutto. Quindi tanti auguri, care salamelle, che fortuna essere una di voi.
Frog